rotate-mobile
Martedì, 25 Gennaio 2022
Cronaca

La giunta per le autorizzazioni a procedere vuole ascoltare il senatore Marco Siclari

Avviati i lavori in Senato dopo la richiesta avanzata dalla Dda di Reggio Calabria che lo ha indagato nell'ambito dell'operazione "Eyphemos": il blitz anti 'ndrangheta che ha disarticolato la cosca Alvaro

Il senatore di Forza Italia, Marco Siclari, entro il 23 marzo potrà mandare una memoria scritta, o se preferisce, farsi sentire personalmente in audizione. Il senatore Sicali è stato coinvolto nell'operazione Eyphemos contro la 'ndrangheta, coordinata dalla Dda di Reggio Calabria ed è accusato di scambio elettorale politico-mafioso. L'ha deciso la giunta per le immunità del Senato, presieduta da Maurizio Gasparri sulla richiesta di autorizzazione all'arresto nei suoiconfronti da parte della Dda di Reggio Calabria. Il relatore era il senatore Francesco Urraro, passato dal Movimento cinque stelle alla lega alla fine dello scorso anno.

La richiesta della Dda

La Dda di Reggio Calabria aveva chiesto l'autorizzazione a procedere all'arresto del senatore di Forza Italia Marco Siclari coinvolto nell'operazione della Procura distrettuale contro la cosca "Alvaro" di Sinopoli. L'ipotesi di reato è scambio elettorale politico-mafioso. A mettere in contatto il parlamentare con Domenico Laurendi, esponente della cosca, sarebbe stato Giuseppe Galletta Antonio, medico ed ex consigliere provinciale di Forza Italia a Reggio Calabria.

Le parole degli inquirenti

“Con l'intermediazione di Galletta - scrivono gli inquirenti - Marco Siclari accettava la promessa di procurare voti da parte del Laurendi in cambio di soddisfare gli interessi e le esigenze della associazione mafiosa. Tra i primi vantaggi ottenuti su richiesta del clan, il trasferimento di Annalisa Zoccali, parente di Natale Lupoi, cognato degli Alvaro, una dipendente delle Poste italiane, a Messina. Con l'aggravante del fatto che Marco Siclari, a seguito dell'accordo, era stato eletto nella relativa consultazione elettorale politica”. 

I voti di Siclari

Marco Siclari è stato eletto al Senato nel collegio uninominale numero 4 della Calabria con una percentuale del 39,59%, riuscendo ad ottenere a Sant'Eufemia d'Aspromonte 782 voti, pari al 46,10%, mentre nel limitrofo Comune di Sinopoli 435 voti, pari al 63,41%.

Galletta risponde al Gip

Nelle ultime ore Giuseppe Galletta, rispondendo al gip di Reggio Calabria ha rimandato al mittente tutte le accuse mosse nei suoi confronti dalla Direzione distrettuale antimafia reggina. Il noto professionista, difeso dall’avvocato Giuseppe Calabrese, ha negato ogni addebito dichiarando di avere sostenuto la campagna elettorale di Marco Siclari e di avere chiesto il voto a tutti i suoi conoscenti, compreso anche Domenico Laurendi, ma senza che a Laurendi fosse stato promesso nulla in cambio. Quanto all’incontro all’interno della segreteria, infine, il medico ha spiegato di avere presentato Laurendi a Siclari così come faceva normalmente con tutti gli altri elettori che andavano in segreteria per incontrare il candidato

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La giunta per le autorizzazioni a procedere vuole ascoltare il senatore Marco Siclari

ReggioToday è in caricamento