rotate-mobile
Cronaca

Infermieri precari al Gom, scatta di nuovo l'allarme: fine rapporto dal 1 marzo 2020

L'azienda ospedaliera ha mandato nuovamente la comunicazione che potrebbe portare alla paralisi dei servizi sanitari presso il nosocomio di Reggio Calabria, è allarme rosso

Non c’è pace per gli infermieri precari del Grande ospedale metropolitano di Reggio Calabria. Nei giorni scorsi, infatti, è stata notificata loro una nuova lettera di fine rapporto con data di cessazione del rapporto di lavoro fissata al primo marzo prossimo. 

L’allarme per il corretto funzionamento della sanità reggina, quindi, ritorna ad essere elevato. Questa vertenza professionale continua a salire e scendere da un’altalena impazzita, un’altalena sulla quale la politica ha scelto di non salire e, quindi, di non assumersi le proprie responsabilità.

Gli infermieri precari del Gom reggino avevano ricevuto una proroga del loro contratto in data 1 gennaio 2020. Una proroga che aveva scongiurato la paralisi del nosocomio reggino, ipotizzata lo scorso 27 dicembre.

Gli infermieri precari erano stati assunti, tramite una graduatoria dell’Asp, in sostituzione di personale “assente” e che  nei mesi scorsi, avevano ottenuto già una proroga del contratto, nonostante il rientro del personale sostituito proprio per l’effettiva necessità della struttura di sopperire alle carenze dovute allo stallo delle assunzioni tramite concorso.

Il rischio paralisi torna a riproporsi. Questo nuovo mancato rinnovo rischia di paralizzare l’intera struttura che non potrà garantire i Lea, livelli essenziali di assistenza, e di causare il blocco di reparti fondamentali come cardiologia, ematologia, medicina d’urgenza e terapia intensiva.

A questo quadro già così deteriorato si è aggiunta un'altra pennellata a tinte fosche. Il Consiglio di Stato, infatti, ha bocciato il ricorso sul concorso per l'assunzione di nuovo personale infermieristico e, quindi, la macchina concorsuale sarà chiamata a ripartire dal principio.

La patata bollente potrebbe finire nelle mani della nuova commissaria che si è da poco insediata presso l’Azienda ospedaliera. Non può, infatti, scartarsi a priori la possibilità che la tensione sociale a Reggio Calabria possa tornare ad alzarsi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Infermieri precari al Gom, scatta di nuovo l'allarme: fine rapporto dal 1 marzo 2020

ReggioToday è in caricamento