menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
I militari durante la cattura del latitante

I militari durante la cattura del latitante

‘Ndrangheta e narcotraffico, catturato in Aspromonte il latitante Romeo

Operazione congiunta di carabinieri e finanza. L’uomo è considerato dagli inquirenti vicino alla ‘ndrina degli Alvaro

Ricercato da luglio 2019 per traffico internazionale di stupefacenti, aggravato dalle finalità mafiose, si nascondeva in un'abitazione di Sant'Eufemia d'Aspromonte. La primula rossa Domenico Romeo è stato scovato e catturato domenica scorsa dai carabinieri del comando provinciale di Reggio Calabria.

L'uomo, 40enne, era nel mirino delle forze dell'ordine dopo un'ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dalla Direzione distrettuale antimafia di Genova nell’ambito dell’indagine “Buon vento genovese".

Il latitante è stato individuato durante un'operazione congiunta dei carabinieri di Palmi, dello squadrone eliportato cacciatori Calabria, del Gico della guardia di finanza di Genova e del comando provinciale dei finanzieri di Reggio Calabria.

Il ritrovamento e l'arresto

Dopo aver cinturato l'intera area dell'abitazione, i militari dell'Arma hanno sorpreso Romeo dentro un appartamento in compagnia di moglie, figlio minorenne e altri familiari. Il latitante che non ha opposto resistenza e si è consegnato alle forze dell'ordine, si era rifugiato nel territorio aspromontano, storicamente controllato dalla cosca dei "signori della montagna".

Romeo è stato scovato grazie alla capillare presenza dei militari e al determinante intervento dello squadrone eliportato cacciatori Calabria, in grado di operare nei luoghi impervi dell'Aspromonte.

Al termine delle formalità di rito, il latitante è stato condotto al carcere di San Pietro ed è a disposizione dell'autorità giudiziaria.

L'indagine "Buon vento genovese"

Domenico Romeo ha diversi precedenti per traffico di stupefacenti alle spalle ed era risultato al centro di un traffico internazionale di cocaina, a seguito di indagini della Direzione distrettuale antimafia e antiterrorismo di Genova, eseguite dalla guardia di finanza locale e avviate nella primavera del 2019.

L'attività investigativa, scaturita dalla localizzazione di un indagato in Colombia intento a contrattare l'acquisto di un carico di cocaina con gli esponenti del narcotraffico sudamericano, ha permesso di sequestrare nel porto del capoluogo ligure ben 368 chili di cocaina purissima e catturare A.A. 30enne, affiliato alla cosca di 'ndrangheta degli  Alvaro di Sinopoli e in possesso di documenti falsi, oltre a I.F 52enne. Per Romeo, invece, furono avviate ricerche su scala internazionale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Stanchezza primaverile? Sintomi e rimedi naturali

Cura della persona

Trattamenti estetici per ciglia: la parola al dermatologo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ReggioToday è in caricamento