Giovedì, 18 Luglio 2024
La lettera

Aeroporto dello Stretto, i lavoratori non aderiranno a sciopero Orsa: "Il nostro scalo è rinato"

Nota del personale contro il sindacato autonomo, annunciando che il 21 luglio al Tito Minniti si volerà senza disservizi

Si firmano "i lavoratori del rinato aeroporto di Reggio Calabria" e con una nota annunciano che non aderiranno allo sciopero del personale indetto negli aeroporti della Calabria dal sindacato autonomo Orsa. "Diciamo già con largo anticipo - scrivono - che nello scalo di Reggio il prossimo 21 luglio si viaggerà senza alcun disservizio e che lo sciopero fantasma agitato dall’Orsa avrà un impatto pari a zero".

I lavoratori ritengono che si stia screditando il lavoro svolto dalle organizzazioni confederali (a cui aderiscono), nelle quali hanno piena fiducia: "Parlare in nome e per conto di tutti i lavoratori dello scalo reggino è assolutamente sbagliato in quanto il sindacato autonomo rappresenta solo 3 lavoratori e pertanto non può esprimersi facendo credere che le cose che dice siano la voce della stragrande maggioranza dei dipendenti".

E aggiugono: "Non entriamo nel merito delle argomentazioni sollevate dall’Orsa perché riteniamo che sia sotto gli occhi di tutti i cittadini reggini e calabresi quanto sia cambiato in meglio lo scalo di Reggio e l’intero sistema aeroportuale calabrese e che grande merito abbiano quei sindacati confederali che hanno contestato le vecchie gestioni societarie e che oggi, a dimostrazione della loro obiettività, riconoscono la straordinaria capacità manageriale dell’amministratore unico Marco Franchini".

Su Orsa commentano: "Che immagine offre di sé una sorta di sindacato che sta in silenzio quando il rischio era quello di chiudere l’aeroporto a Reggio e che invece straparla quando finalmente lo scalo si proietta in Italia e nel mondo offrendo ai reggini e all’intera popolazione dello Stretto un servizio mai avuto in tutta la storia del Tito Minniti?".

Riguardo i temi sindacali, gli scriventi evidenziano "il miglioramento dell’organizzazione del lavoro, l’attenzione rivolta ai lavoratori sulla sicurezza del lavoro, la sottoscrizione di un accordo integrativo che ha riconosciuto un welfare sanitario, un aumento del buono pasto, un premio di produzione che i lavoratori dello scalo reggino non avevano ancora percepito".

Il riferimento è a "diritti conquistati, oggetto di trattativa sindacale in corso e che non vedrà la presenza del sindacato autonomo Orsa perché non firmatario di ccnl. Noi pensiamo - dichiarano - che questo continuo straparlare dell’Orsa sia utile solo a qualche interesse di singoli personaggi che non hanno trovato spazio altrove e tentano, intorbidendo le acque, di creare confusione". 

Si conclude la nota: "Vogliamo esprimere anche la nostra soddisfazione di poter lavorare in un aeroporto dove finalmente gli aerei volano, i parcheggi sono pieni, i cittadini usufruiscono di un buon servizio e i lavoratori hanno i loro giusti diritti. E se a qualcuno tutto ciò non va bene, continui ad agitarsi e a rotolarsi nel ridicolo, i lavoratori reggini non vogliono tornare indietro!"

                                                                                   

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aeroporto dello Stretto, i lavoratori non aderiranno a sciopero Orsa: "Il nostro scalo è rinato"
ReggioToday è in caricamento