rotate-mobile
L'iniziativa culturale

Le Muse, presentato il nuovo saggio di Cosimo Sframeli su "Gli eroi dello Zillastro"

Serata di memoria storica ed emozioni con il libro che il capitano ha dedicato ai coraggiosi parà della divisione Nembo

Il capitano Cosimo Sframeli è stato ospite dell’associazione culturale “Le Muse” per la prima presentazione nazionale del suo ultimo libro “Gli eroi dello Zillastro” – I Parà della Nembo – Aspromonte 8 settembre 1943 (edizioni Falzea).

Molte le autorità presenti all'incontro: Enzo Arcadi, valoroso magistrato in trincea, pioniere di pregresse attività giudiziarie vincenti; Vincenzo Pedone, magistrato illuminato sub legge ed integro assertore della potenza dello spirito; Michelangelo Di Stefano già funzionario della Dia; Pino Perrone in rappresentanza dei paracadutisti calabresi; Alfonso Picone già presidente del Ca; Giusy Ianni’ sorella del paracadutista Giuseppe caduto nel disastro della Meloria.

Il presidente dell'associazione, Giuseppe Livoti, in apertura di evento ha sottolineato come Sframeli, pur non essendo uno storico, con questa nuova opera, in continuità con “A 'ndrangheta. Evoluzione e forme di contrasto” e “'Ndrangheta addosso”, sia tornato a parlare della sua terra, quell’Aspromonte che lo ha accolto e che lo ha visto sempre presente nelle sue battaglie contro il fenomeno criminale. In particolare, questo saggio offre approfondimento su un episodio storico purtroppo dimenticato. L'editore Paolo Falzea per questo si è rivolto a chi svolge formazione e al mondo della scuola: "Dobbiamo divulgare conoscenze storiche che nel tempo sono state secretate, occorrono docenti capaci di riportare al centro eventi come quello dei parà della Nembo, che è oggi al centro del lavoro di questo autore".

Il comandante Sframeli ha raccontato al numerosissimo pubblico i due anni di lavoro che sono stati necessari a raccogliere il materiale presente nel volume, tra fonti storiche, documentali e fotografiche, ricordando anche l’interessamento a questo argomento dello storico Agazio Trombetta. L'opera è stata promossa dal ministero della difesa e dall’associazione nazionale “Nastro Verde” – decorati Medaglia d’Oro Mauriziana, sodalizio a cui aderiscono tutti gli ufficiali e sottufficiali che appartengano o abbiano appartenuto a vari corpi delle forze armate, insigniti della croce d’argento o d’oro o d’oro con stelletta di anzianità di servizio.

"Ho riunito in un unicum - ha detto Cosimo Sframeli - la vita e la morte dei giovani paracadutisti dell’VIII Btg, 185^ Rgt, divisione Nembo che, in Aspromonte, la mattina dell’8 settembre 1943, si scontrarono con cinquemila anglo-canadesi. Il racconto lo ho esposto grazie a punti di vista diversi, ripercorrendo luoghi, miti, ambienti e avvenimenti socio-militari, mettendo in evidenza gli ultimi giorni di vita di questi eroi che, sui Piani dello Zillastro, scrissero col sangue questa pagina di storia e, anche dopo la morte, riuscirono a tracciare un percorso di civiltà pacificatrice e liberatoria".

Nel libro c'è una storia di coraggio e abnegazione che lascia ammutoliti, dove la vita e la morte si intrecciano al senso dell’onore ed al rispetto della parola data, all’amor di Patria ed alla spartana volontà di donare se stessi. E’ il resoconto tormentato e commovente di una pagina di storia del secondo conflitto mondiale, cronaca della durissima ed eroica resistenza di quello che rimaneva dell’VIII battaglione di volontari paracadutisti, giovani in grigioverde chiamati a respingere il nemico nelle montagne dell’Aspromonte, tra attacchi ed incursioni. Il 4 settembre, l’VIII battaglione disposto nella zona di Bagaladi, impegnato già in combattimenti contro inglesi e canadesi, tenta di raggiungere il comando di reggimento a Plati’. Iniziano così i significativi e memorabili giorni che culmineranno, attraverso boschi e crinali aspromontani, nella battaglia dello Zillastro.

La manifestazione è stata arricchita da momenti di lettura interpretativa con il laboratorio diretto da Clara Condello con Francesca Avenoso e Sonia Impalà, oltre a vari interventi e testimonianze.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le Muse, presentato il nuovo saggio di Cosimo Sframeli su "Gli eroi dello Zillastro"

ReggioToday è in caricamento