Mercoledì, 22 Settembre 2021

Disastro ambientale al Lido comunale? Ancadic: "Reggio non merita questa vergogna" |VIDEO

Per l'associazione la situazione è critica. Gravi le conseguenze sull’ambiente derivanti dal permanente scarico fognario e sui potenziali pericoli cui è esposta la salute pubblica

Territorio reggino stuprato e dimenticato. L'associazione Ancadic, da anni attiva a tutela dell'ambiente non ci sta e continua nella sua azione incessante di portare alla ribalta gli scarichi fognari a cielo aperto con la speranza che le segnalazioni "possano svegliare dal lungo torpore le coscienze delle Istituzioni forse competenti ma sicuramente inefficienti ad intervenire".

Dopo La Capannina, lo sguardo attento di Vincenzo Crea, referente dell'associazione, cade sull’impressionante scarico fognario alla foce dei torrenti Annunziata e Caserta, area del Lido comunale, che risale a oltre 17 anni fa "come comunicato dalla Città di Reggio Calabria - settore Urbanistica cultura turismo servizio demanio marittimo, con nota del 30 novembre del 2017 e da quel tempo non si registrano interventi risolutori".

Per Crea "non è da escludere che oltre a scarichi fognari potrebbe trattarsi anche di altri scarichi anomali. La situazione è estremamente critica e fa molto riflettere sulle gravi conseguenze sull’ambiente derivanti da questo permanente e vergognoso scarico fognario e sui potenziali pericoli cui è esposta la salute pubblica. La località è esposta ai venti e alle correnti marine dominanti da settentrione, ne consegue quindi che i liquami con le sostanze nocive per la salute pubblica raggiungono velocemente i bagnanti".

L'Ancadic ricorda e sottolinea "che nella rete fognaria comunale sversano i rifiuti prodotti dall’attività ospedaliera del Grande ospedale metropolitano, ad oggi privo di autonomo impianto di depurazione, come comunicatoci dalla stessa direzione sanitaria su nostra specifica richiesta. Ciò determina anche la potenziale diffusione di malattie infettive e contagiose".

Secondo Crea "sussistono i requisiti previsti dalla norma di legge per far ritenere la sussistenza di un disastro ambientale". Della situazione sono stati informati la presidente della Regione Iole Santelli, l’assessore regionale all’ambiente, il sindaco di Reggio Calabria e della Città metropolitana e altre istituzioni.

Si parla di
Sullo stesso argomento

Video popolari

Disastro ambientale al Lido comunale? Ancadic: "Reggio non merita questa vergogna" |VIDEO

ReggioToday è in caricamento