Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Con la cocaina in macchina e i soldi sotto terra, due giovani sorpresi e arrestati | VIDEO

I Carabinieri della compagnia di Locri hanno rinvenuto e sequestrato 17 chilogrammi di droga e 5 milioni di euro che erano stati nascosti nel giardino di casa di uno degli arrestati

 

carabinieri soldi-2A Locri, i Carabinieri hanno arrestato un 24enne e un 32enne. I due sono stati fermati nel corso di un controllo alla circolazione stradale, ad Ardore Marina, sulla Statale 106 Jonica, alla guida di due autovetture, mentre procedevano stranamente accodati. In manette sono finiti: S.S. di 24 anni e C.G. di 32 anni, entrambi residenti a Careri.

Il nervosismo dei due ha condotto i carabinieri ad approfondire il controllo dei mezzi. Di lì la scoperta: all’interno del veicolo del 24 enne, ben occultati in un doppiofondo del vano porta oggetti, i carabinieri hanno scovato quasi 17 chilogrammi di sostanza stupefacente del tipo cocaina, suddivisa in 15 confezioni sigillate.

Ma il rinvenimento ancora più importante è stato effettuato durante le successive perquisizioni estese alle abitazioni degli arrestati. A casa del 32enne, i militari della Compagnia di Locri, coordinati dal comandante provinciale Marco Guerrini, supportati dai carabinieri dello Squadrone Eliportato Cacciatori “Calabria”, hanno rinvenuto sei bidoni in plastica, interrati nel giardino e occultati sotto materiale di risulta, contenenti la somma in contanti di oltre 5 milioni di euro, in banconote di vario taglio, poste sottovuoto in buste di plastica termosaldate (nella foto).

Gli arrestati, sono stati ristretti presso le camere di sicurezza, in attesa di essere associati alla Casa Circondariale di Locri, a disposizione dell’autorità giudiziaria competente che è la Procura della Repubblica di Locri.

L'intervento del capitano Fabrizio Macrì, comandante della compagnia carabinieri di Locri

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Potrebbe Interessarti

Torna su
ReggioToday è in caricamento