Il dramma / Locri

Locri piange la morte di Cristian, Calabrese: "La Regione apre indagine interna"

Il cordoglio e la vicinanza ai familiari dell'assessore regionale: "Se si è trattato di un caso di malasanità con responsabilità mediche ed errore diagnostico, chi ha sbagliato dovrà pagare"

Sulla morte del giovane locrese, Cristian Guarneri, venuto a mancare dopo essere stato dimesso dall’ospedale di Locri, l’assessore regionale al lavoro e alla Formazione, Giovanni Calabrese, esprime il suo sincero cordoglio alla famiglia e manifesta la sua piena vicinanza facendo visita ai familiari in questo momento così terribile.

"La città di Locri - afferma - è provata da questa tragedia che vede una giovane vita spezzata; la comunità locrese perde un ragazzo buono, voluto bene da tutti, e che per cause, ancora da accertare, oggi piange. Seppur in un momento di massima attenzione in cui si sta investendo sulla sanità, con evidente potenziamento di risorse e servizi, strumentazione all’avanguardia e infrastrutture, quanto accaduto è davvero inspiegabile".

"Informato il presidente Roberto Occhiuto - comunica l'assessore -, la Regione Calabria ha aperto un’indagine interna per verificare tutte le procedure cliniche eseguite nei confronti del ragazzo dal suo arrivo in ospedale fino al drammatico decesso".

Conclude l'assessore regionale "allo stesso tempo gli approfondimenti della magistratura faranno il loro percorso e se si è trattato di un caso di malasanità con responsabilità mediche ed errore diagnostico, chi ha sbagliato dovrà pagare. Adesso è il momento di esprimere tutta la vicinanza alla famiglia che oggi con tutta la comunità piange per la perdita del giovane Christian".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Locri piange la morte di Cristian, Calabrese: "La Regione apre indagine interna"
ReggioToday è in caricamento