"Oggi e sempre Viva Maria": da 58 anni grida con i fratelli di stanga il suo amore alla Patrona

Emilio Tomasello, 79 anni, è uno dei portatori anziani della Vara della Madonna della Consolazione. La tradizione e gli episodi legati alla processione di novembre

a sinistra LilloTomasello

"Oggi e sempre Viva Maria" squarcia il silenzio, riecheggia nel silenzio dell'anima e nel fragore della festa. E' il grido universale di supplica e preghiera del popolo di Reggio, che scuote i pensieri di quanti amano la Madonna, la Consolatrice che guarda e protegge.

L'urlo dei reggini, cucito in quel legame invisibile e indissolubile che lega i portatori della Vara alla Madonna della Consolazione, è tramandato dagli anziani cavalieri di Maria. Emilio Tomasello, per gli amici Lillo, 79 anni, sarto in pensione, è tra i custodi di questa tradizione. 

Portatore da ben 58 anni, il suo legame con la Vara e con la Madre celeste è unito alle generazioni che lo hanno preceduto. E' lui, l'uomo del grido del popolo di Reggio, è lui con i suoi fratelli di stanga, a richiamare l'attenzione verso lo sguardo, a tratti severo e sempre dolcissimo, della Consolatrice.

"Purtroppo - dice Lillo Tomasello, con gli occhi lucidi di tenerezza - le mie condizioni di salute non mi permettono più di stare sotto la stanga, ma la stanga è nel mio cuore, onnipresente nella vita e nel mio grido, che rivolgo con tutte le forze a Lei che ringrazio per la sua protezione e per le sue infinite carezze".

E' un'invocazione, dunque, che nasce da lontano e mai a comando, da gridare a squarciagola "cu tuttu 'u cori" perchè sprona a combattere e non a mollare mai, ad affrontare la vita nella consapevolezza che Lei c'è, sempre e comunque. E domani, domenica 1 dicembre, dopo lo stop forzato di una settimana fa, a causa del nubifragio, in occasione del rientro della Patrona di Reggio al suo Eremo, quel grido sarà elemento prezioso durante il percorso e alleato fedele nella ripida e faticosa salita al Monte.

Signor Tomasello, dopo undici settimane, la Madonna rientra alla Basilica dei frati cappuccini, quali sono le sue sensazioni e il perchè di questa tradizione

"E' giusto che la Madonna ritorni a casa. L'Eremo è la sua casa. Tradizione vuole che la Consolatrice dopo il suo omaggio di settembre alla città, al suo popolo che la ama e la venera, ritorni a casa la prima domenica dopo il 21 di novembre, giorno della presentazione di Maria Bambina al Tempio. Tutti avvertiamo il distacco e la malinconia prende il sopravvento ma, sappiamo anche
che la Madonna continuerà a proteggerci dalla collina e noi andremo a trovarla per non sentirci soli".

Lei è portatore da una vita, si ricorda un episodio nella storia della processione legato alla Patrona?

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Tanti sono gli avvenimenti vissuti sotto la Vara. Ma desidero raccontarvi un episodio, che a parer mio, dimostra la grandezza della nostra Madre celeste. Parecchi anni fa, don Salvatore Nunnari era assistente spirituale dei portatori, durante l'ingresso in chiesa un gruppo di portatori sono scivolati e gli sono finiti addosso. Nonostante la rovinosa e violenta caduta, si sono rialzati come se niente fosse successo. Neanche un graffio, illesi. E' un avvenimento da contemplare. Questa è la grandezza, questo uno dei miracoli della Madonna della Consolazione".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Mandamento jonico", l'ex sindaco di Roghudi Lorenzo Stelitano ritorna in libertà

  • Festa di Madonna, la processione non si farà: la Sacra Effigie sarà esposta in Cattedrale

  • Incendiata l'auto di un imprenditore, la solidarietà di Confindustria e Ance Reggio

  • Rocco Santo Filippone: il mediatore "un passo sotto Dio" nella gerarchia mafiosa

  • Trovato morto a Roma Rocco Panetta: il giovane gioiosano scomparso a giugno

  • Incidente rotatoria per Motta SG, auto "vola" e sbatte contro un muro: ferito il conducente

Torna su
ReggioToday è in caricamento