Dà fuoco all'appartamento della moglie e la maltratta davanti alla figlia: arrestato 49enne

L'uomo, fermato dai poliziotti della Mobile e delle volanti, sottoponeva la compagna a un regime di vita vessatorio e violento

Gli episodi di violenza erano diventati ormai una consuetudine. Abituali e sempre più pressanti. G.F., di 49 anni, sottoponeva la sua compagna a un regime di vita vessatorio e violento, tanto da arrivare a dar fuoco, in un’occasione, all’appartamento dove la donna abitava. Per l'uomo, ritenuto responsabile del reato di maltrattamenti contro familiari e conviventi, consumato ai danni della moglie, anche in presenza della figlia minore, sono scattati gli arresti domiciliari, emessi dal gip del Tribunale di Reggio Calabria.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il provvedimento restrittivo, scaturito dalle indagini della Mobile e delle Volanti e coordinate dal procuratore aggiunto
Gerardo Dominijanni e dal sostituto procuratore Marika Mastrapasqua, ha messo la parola fine alle aggressioni fisiche e psicologiche che negli ultimi tempi l’uomo rivolgeva ripetutamente alla compagna, con gravi comportamenti lesivi dell’integrità fisica e morale della donna.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dopo Italo sui binari di Reggio arriva anche il Frecciarossa: il plauso del presidente Santelli

  • Fiamme gialle rompono una "Catena di Sant'Antonio" truffaldina: scatta sequestro

  • Riemergono da acque Stretto i fasti di Reggio, trovata ancora a 154 metri di profondità

  • Movida, assembramenti e rischio Covid: il questore chiude un bar del centro per 5 giorni

  • Sigilli della Squadra mobile a bar e aziende riconducibili alle cosche Rosmini e Zindato

  • La "scuola mafiosa" di Peppe Crisalli al figlio: "Quando si picchia, si picchia subito"

Torna su
ReggioToday è in caricamento