rotate-mobile
Domenica, 10 Dicembre 2023
La programmazione

Reggio Calabria ecosistemica: prende forma il masterplan

Proseguono gli incontri della due giorni dedicata alla programmazione. Il sindaco facente funzioni Paolo Brunetti: "Iniziativa di straordinario valore con presenze di ospiti autorevoli"

Il viaggio verso la costruzione del Masterplan, per una Reggio Calabria ecosistemica, è partito da Palazzo San Giorgio, con un incontro fra gli amministratori locali e i professionisti del territorio chiamati a offrire il loro contributo sulle strategie di crescita e sviluppo della comunità.

Una due giorni di confronti, spunti e approfondimenti proseguita nella Facoltà di Architettura dell’Università Mediterranea, in cui esperti, accademici e tecnici sono stati invitati a concorrere alla redazione del documento di indirizzo strategico.

Fra le figure più autorevoli coinvolte nel progetto dal gruppo di lavoro coordinato da Paolo Malara, spiccano Salvador Rueda, fondatore e direttore dell’Agenzia di Ecologia Urbana di Barcellona, e Saverio Mecca, coordinatore dell’Osservatorio sulle politiche urbane territoriali del Cnel e professore ordinario emerito dell’Università di Firenze.

"Ospiti visionari", li ha definiti il sindaco facente funzioni, Paolo Brunetti, che, in apertura dei lavori, al fianco del sindaco metropolitano facente funzioni, Carmelo Versace, degli assessori comunali Giuggi Palmenta e Domenico Battaglia, e dei consiglieri delegati, Massimiliano Merenda e Giuseppe Giordano, ha parlato di «un’occasione irripetibile e imperdibile per la città".

"Indire questa conferenza permanente – ha detto – non era un obbligo, ma ci tenevamo a farlo per ascoltare tutte le anime che hanno a cuore il miglioramento del nostro territorio che, come il resto del Pianeta, dovrà presto fare i conti con i problemi legati al riscaldamento globale. Dunque, serve mettere in rete tutte le superfici possibili che possano essere utilizzate per avere energia pulita".

In questo disegno, quindi, "stiamo cercando di ascoltare tutti per raccogliere idee e stimoli così da avere una visione migliore della città. Poi, la politica si assumerà responsabilità di decidere".

Secondo il sindaco facente funzioni, le direttive sulle quali muoversi sono "la riconquista del fronte mare e l’azzeramento delle distanze fra la città capoluogo e le tante piccole realtà del comprensorio metropolitano". "Invito quante più persone possibile ad aderire a questo lavoro – ha detto – fornendo prospettive e spunti di ragionamento".

Per Carmelo Versace, sindaco metropolitano facente funzioni: "E' giusto che la politica faccia un passo indietro e lasci spazio ai professionisti, validissimi, che hanno la conoscenza giusta, le competenze e gli strumenti per aiutarci a disegnare la città del futuro. Condivisione e partecipazione sulle scelte sono i binari sui quali, sin dall’inizio, si è mosso il Masterplan che la Città di Reggio andrà a realizzare".

"Un percorso – ha sottolineato il primo cittadino della Metrocity – che parte da lontano e che riconosce, nell’intuizione e nell’impegno del sindaco Giuseppe Falcomatà e dell’ex assessore comunale Giuseppe Marino, gli artefici di un’idea che ci vede, adesso, ragionare in concreto sulle cose da fare.

Il tutto segue una linea precisa che si congiunge alla recente approvazione del Piano strategico della Città metropolitana. Non è una casualità. La nostra, infatti, è una delle pochissime Città metropolitane che si è dotata di questo strumento in grado di abbinarsi perfettamente al documento strategico di programmazione previsto da Palazzo San Giorgio".

"Non è una banalità o una cosa scontata", ha continuato Versace ricordando i primi confronti con l’assessore comunale reggino, Domenico Battaglia,"rispetto a questa opportunità che non ci siamo fatti scappare. Al di là di chi finanzia cosa – ha aggiunto – l’occasione è ghiotta per mettere a disposizione dei professionisti della nostra città un’importante possibilità di confronto anche in merito alla sfida del riscaldamento globale. Infatti, viviamo un momento storico e climatico particolare che va affrontato con un cambio culturale radicale e, per farlo, dobbiamo essere pronti a raccogliere qualsiasi opportunità".

Serve fare rete – ha concluso Carmelo Versace - una parola forse troppo utilizzata, ma decisiva affinché la politica comprenda appieno che, quando necessario, è utile far sedere ai tavoli programmatici chi possiede gli mezzi idonei a costruire i migliori spazi possibili in un’epoca così complessa e delicata.

Noi abbiamo la fortuna di avere una Città metropolitana che, al suo interno, comprende un Parco nazionale, che si distende su 97 Comuni e che offre la possibilità di spostarsi dal mare alla montagna in appena venti minuti. Se questo Masterplan riuscirà, come mi auguro, anche ad interpretare la naturale vocazione che ci lega alla dirimpettaia Messina in un concetto più ampio di Area Metropolitana dello Stretto, potremo dire di avere veramente immaginato la città del futuro".

Per l’assessore Domenico Battaglia il dibattito sul Masterplan arriva "in un periodo molto favorevole per la città, quando si intensificano la strategia sui Masterplan dell’aeroporto e del porto. In questo frangente – ha ricordato - abbiamo avuto uno scambio virtuoso con l’Agenzia del Demanio, a lavoro su un Piano per città di Reggio che prevede, nell’area di Modena-Ciccarello, dove insiste un’altra nostra misura importante come i Pinqua e dove si è proceduto allo sgombero dell’ex Polveriera, la nascita di una delle sei scuole di formazione dei vigili del fuoco d’Italia e la delocalizzazione degli stessi uffici del demanio. Insieme potremo costruire un’idea di città davvero migliore. Il compito nostro è quello di costruire i percorsi, di avere una visione di città moderna e in grado di interpretare il futuro".

Per l’assessora Giuggi Palmenta "è importante partire dall’ascolto delle organizzazioni di settore e, soprattutto, della cittadinanza». «Sicuramente – ha proseguito - alcuni interventi posti in essere con i fondi del React Eu, dedicati proprio alla transizione verde, al digitale ed ai servizi per una città più resiliente, vanno in questa direzione".

Quindi, il consigliere Giuseppe Giordano si è soffermato sulla sfida rappresentata dal Masterplan che "esalta l’acume di chi, in questa amministrazione, ha voluto si avessero, finalmente, strumenti di Pianificazione strategica per disegnare il futuro, lo sviluppo, il ruolo cruciale di una città baricentrica nel Mediterraneo. Il programma 21/27 ci consegna una mole di risorse enorme, una parte delle quali già programmate nell’investimento strategico del Museo del mare che diventa una delle 10 opere bandiera del Paese per il Pnrr".

"La città è bella se intensa e ci si ritrova", ha continuato il consigliere Massimiliano Merenda aggiungendo: "E’ nostro dovere renderla inclusiva, duratura, sicura, sostenibile e la rigenerazione urbana va vista anche come un metodo". Soffermandosi sul Masterplan, ha indicato un’attività che "deve mirare a trasformare, fisicamente, il tessuto urbano, inserendo al suo interno interventi di carattere culturale, sociale, economico e ambientale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Reggio Calabria ecosistemica: prende forma il masterplan

ReggioToday è in caricamento