rotate-mobile
Venerdì, 31 Marzo 2023
La giornata nazionale del risparmio energetico

M’illumino di meno, la Mediterranea spegne le luci

La giornata nazionale del risparmio energetico vuole diffondere la cultura ambientale con particolare attenzione al tema delle comunità rinnovabili

Torna M’illumino di Meno, il 16 febbraio, promosso da Rai Radio 2 - Caterpillar, nell’ambito della Giornata nazionale del risparmio energetico e degli stili di vita sostenibili, istituita dal Parlamento italiano per diffondere la cultura della sostenibilità ambientale e del risparmio delle risorse energetiche.

L’edizione 2023 mapperà il fenomeno crescente delle Comunità energetiche rinnovabili, ovvero quelle alleanze territoriali di enti pubblici e cittadini che producono e distribuiscono energia da fonti alternative.

L'Università Mediterranea di Reggio Calabria, componente del Comitato di coordinamento della Rete delle università sostenibili (Rus), aderirà all'evento, spegnendo simbolicamente l’edificio del Rettorato e le luci che illuminano lo spazio esterno adiacente. Le foto saranno pubblicate nella pagina del sito della Rus dedicata a M'Illumino di Meno, per evidenziare l'impegno dell'ateneo reggino a supporto di questa iniziativa.

 “L’Università Mediterranea aderisce all’iniziativa per sensibilizzare la riduzione dei consumi energetici, - afferma il rettore Giuseppe Zimbalatti - per limitare il correlato impatto ambientale ed economico, e le comunità energetiche per la condivisione di energia rinnovabile e pulita”. 

La professoressa Marina Mistretta, delegata del rettore alla Rus e membro del Comitato di coordinamento, aggiunge: “Il raggiungimento dell’ambizioso obiettivo “zero emissioni di carbonio” previsto nel “New Green Deal” della Commissione Europea non può prescindere dai contributi delle Università, in termini di ricerca, innovazione, partecipazione e condivisione con il territorio di concrete soluzioni volte al raggiungimento delle sfide globali, che si è chiamati ad affrontare per decarbonizzare l’economia. In questo quadro i ricercatori dell'Ateneo sono figure chiave nel trasferimento della conoscenza energetica. Quello di oggi è sicuramente un semplice gesto, ma estremamente simbolico, che esprime la volontà del nostro Ateneo di attivare strategie di riduzione dei consumi energetici e dell’impronta di carbonio, contribuendo altresì al miglioramento delle prestazioni energetiche e ambientali dell’Università Mediterranea”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

M’illumino di meno, la Mediterranea spegne le luci

ReggioToday è in caricamento