Giovedì, 18 Luglio 2024
La storia / Locri

Scampata al naufragio, la piccola Nalina abbraccia gli zii arrivati dalla Svezia

La zia materna ed il marito sono andati in ospedale a trovare la bambina rimasta orfana dopo la tragedia

La piccola Nalina, la bambina di 10 anni sopravvissuta al naufragio della barca a vela sulla quale si trovava insieme a un'altra settantina di migranti naufragata al largo delle coste calabresi, ha potuto riabbracciare gli zii dopo giorni di angoscia in cui piangeva e chiedeva della mamma. 

A Roccella Ionica, infatti, è arrivata la zia materna della piccola,  - come riferisce l'Ansa - proveniente dalla Svezia insieme al marito.

Rosa è subito andata all'ospedale di Locri per abbracciare la nipote, con la quale ha trascorso un po' di tempo. Lei ed il marito Dama hanno viaggiato in auto dalla Svezia e fanno parte del primo gruppo di familiari delle vittime giunti a Roccella, una decina al momento.

I due sono ospitati nei locali dell'oratorio parrocchiale messo a disposizione dal vescovo di Locri mons. Francesco Oliva. A loro i mediatori culturali ed i volontari della Croce rossa, della Protezione civile e di Medici senza frontiere hanno già riferito che tutti i familiari della bambina sono inseriti nell'elenco delle persone disperse in mare. Si tratta di padre, madre e due fratelli più piccoli di Nalina, il cui nome in lingua irachena è Laryn. Dal riconoscimento dei cadaveri già recuperati e trasferiti nell'obitorio dell'ospedale di Locri, nessuno appartiene ai componenti della famiglia irachena, come confermato dagli zii di Nalina.

Le condizioni della bambina sono in via di miglioramento, come confermato dal primario del reparto di pediatria Antonio Musolino e una volta dimessa e compiute le procedure burocratiche - nella Locride è arrivato anche l'ambasciatore iracheno in Italia - la bambina, con molta probabilità, sarà affidata proprio ai suoi giovani zii. 

"Erano felicissimi - ha raccontato in lacrime Dama - pur se consapevoli dei rischi da correre durante il viaggio in mare, di aver trovato posto sull'imbarcazione e poter così giungere in Italia tutti insieme, iniziando così in Europa una nuova e migliore vita. Sono distrutto, non pensavo mai e poi mai che una tragedia simile potesse accadere. In questi momenti mi sembra di essere al centro dell'inferno!".
   

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scampata al naufragio, la piccola Nalina abbraccia gli zii arrivati dalla Svezia
ReggioToday è in caricamento