rotate-mobile
Cronaca Roccella Ionica

Migranti, Zito: “Effettuato secondo tampone, infondate notizie su presunte fughe"

Sotto controllo la gestione dei profughi sbarcati venerdì scorso sul territorio comunale. Il primo cittadino riferisce che "nei prossimi giorni i medici effettueranno un check up"

Situazioni complicate aggravate ulteriormente dalla pandemia. Il contagio da coronavirus impone prudenza in ogni circostanza, a maggior ragione se bisogna gestire uno sbarco di migranti non indifferente.

Nella tarda serata di venerdì scorso, il comune di Roccella Jonica ha accolto 70 profughi di origine pakistana, sottoposti successivamente a tampone. I risultati dei test effettuati hanno riscontrato la positività al Covid-19 di 26 persone, tra cui cinque minori.

L'Amministrazione comunale ha seguito e gestito la vicenda passo dopo passo e, archiviato anche martedì 14 luglio, è stato fatto un punto della situazione. Dal Comune fanno sapere che la giornata "è trascorsa serenamente e senza novità di grande rilievo.

I 20 minori non accompagnati, affidati, secondo quanto previsto dalla legge in materia di sbarchi di immigrati, al Sindaco di Roccella Jonica hanno trascorso la giornata in regime di quarantena obbligatoria presso i locali dell’Hotel Miramare di Roccella Jonica, sotto l’attento controllo di Polizia e Carabinieri.

Nella mattinata - spiega il sindaco di Roccella Vittorio Zito - i minori sono stati sottoposti a visita di controllo da parte dell’autorità sanitaria regionale e anche tale ultimo controllo ha confermato che essi non presentano alcun sintomo di malattia derivante dal Covid-19. Inoltre, è stato effettuato il secondo tampone i cui risultati saranno noti nei prossimi giorni. Anche i tre minori non accompagnati già presenti in struttura e i due traduttori per i quali è stato disposto il provvedimento di quarantena sono stati sottoposti a primo tampone."

Giusto precisare, in certi casi, l'attendibilità di certe voci. Il sindaco, ribadisce, infatti, che "continuano a circolare quotidianamente notizie totalmente infondate, che riferiscono di presunte fughe o allontanamento di persone sottoposte a quarantena nel locali all’uopo reperiti dall’Amministrazione comunale. Invitiamo tutti i cittadini a non dare credito a tali notizie ma a considerare solo le fonti attendibili ed in particolare i comunicati quotidiani della Amministrazione comunale. E invitiamo chi cerca di seminare paura tra i nostri cittadini e i turisti presenti a Roccella a rinunciare coscientemente a divulgare notizie che non fanno altro che creare confusione. Al contrario, tutti i minori, grazie all’importante opera di sensibilizzazione svolta dai due volontari che li accompagnano nel percorso di quarantena, continuano a rispettare le misure imposte dalle norme di prevenzione dettate dall’autorità sanitaria.  

Nei prossimi giorni - conclude Zito - i medici volontari della Associazione Jimuel Internet Medics for Life effettueranno un check up più generale sulle condizioni dei minori utile a garantire il loro buon stato di salute. Si coglie l’occasione per ringraziare tutte le Associazioni di volontariato e i singoli cittadini che in questi giorni avanzano la propria disponibilità a collaborare per garantire le migliori condizioni possibili per far trascorrere in tranquillità ai minori questo periodo di quarantena."

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Migranti, Zito: “Effettuato secondo tampone, infondate notizie su presunte fughe"

ReggioToday è in caricamento