rotate-mobile
Il progetto

Salvini spinge sul ponte sullo Stretto: "Mi hanno detto creerebbe 100 mila posti di lavoro”

Il ministro delle Infrastrutture, ospite ieri a Porta a Porta, ha rilanciato la sua idea di far partire il cantiere dell'attraversamento stabile fra Calabria e Sicilia: "Costa di più non farlo"

Il ponte sullo Stretto “mi hanno detto, creerebbe 100 mila posti di lavoro”. Lo ha detto Matteo Salvini, ministro delle Infrastrutture a Porta a porta. “Dell’attraversamento dello Stretto di Messina - ha proseguito il ministro delle Infrastrutture - si parla da decenni, e dal 1981 sono stati spesi centinaia di milioni di euro di denaro pubblico senza aver concluso nulla”.

Per il leader della Lega e vice premier nel primo governo targato Giorgia Meloni: “La prossima legislatura potrà e dovrà essere, dopo quarant’anni di parole, quella che passerà finalmente ai fatti, unendo Sicilia e Calabria, creando lavoro vero e inquinando di meno. Questo uno degli impegni del mio Ministero”.

“Fare partire il cantiere del ponte sullo Stretto - ha concluso il ministro delle Infrastrutture Matteo Salvini - è uno dei miei obiettivi. Adesso costa di più non farlo che farlo, come è stato per la Tav”.

Un primo commento alle parole di Matteo Salvini è giunto dalla senatrice leghista Tilde Minasi che, sul profilo social, ha postato un messaggio: "Il nostro lavoro è già iniziato. Matteo Salvoni, nel suo nuovo incarico come ministro alle infrastrutture, sta già passando in rassegna tutti i progetti relativi non solo alle grandi opere, ma anche alla riqualificazione urbana e all’edilizia sociale. Perché anche questi settori sono fondamentali per migliorare la vita degli italiani, dunque sono una nostra priorità!".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Salvini spinge sul ponte sullo Stretto: "Mi hanno detto creerebbe 100 mila posti di lavoro”

ReggioToday è in caricamento