Mercoledì, 22 Settembre 2021
Cronaca

"Ciao Diego, sognatore e creatore di gusti di solidarietà e amore"

Il giovane titolare del Gran Caffe, noto locale sul lungomare, è morto al Gom dopo un malore. Il cordoglio e il ricordo di Bruno Monorchio, presidente dell'associazione ReteSociale

Diego Laurendi

La prematura scomparsa dell'imprenditore Diego Laurendi, ha sconvolto la città. Sui social è incessante la pioggia di post per il giovane reggino, gran lavoratore, che sapeva conquistare amici e clienti con la forza del suo grande sorriso. Riceviamo e pubblichiamo il ricordo di Bruno Monorchio, presidente dell'associazione ReteSociale:

"Ieri sera mi sopraggiunge una di quelle notizie che non ti aspetti e non vuoi sentire… Una notizia di una morte giovane e inaspettata, di un giovane reggino lavoratore e sognatore, simpatico e generoso… Diego Laurendi. Diego era il giovane titolare di uno storico locale/bar di Reggio Calabria, il Gran Caffè.

Chi è di Reggio conosceva bene il locale e il suo titolare sia per le sue specialità/bontà culinarie sia per i modi affabili e cordiali con cui venivano accolti clienti e turisti da ogni dove. Il Gran Caffè è uno di quei locali che ti apre alla città e ti accoglie subito nel centro/cuore vivo cittadino e forse questo non è un caso, perché se proprio una buona e bella prima impressione e cartolina si doveva dare della nostra città, quale se non quella dei modi simpatici e umani del buon Diego.

Diego era, anzi meglio è, un sognatore, un ragazzo che amava la sua terra e che con coraggio combatteva per rilanciare e promuoverne un’immagine sana, buona e bella! Io Diego l’ho conosciuto e lo conosco sia per la mia versione “cliente”, dove il Buongiorno accompagnato da un suo caffè dava solarità e forza anche nelle giornate più cupe, sia per la mia versione di reggino attivista. Ieri nel ricevere questa notizia, ho avuto modo di riflettere e ricordarlo e grazie ai vari amici e associati di ReteSociale siamo anche riusciti a raggruppare una serie di piacevoli ricordi e aneddoti sulla sua persona, in particolare collegati all’esperienza dell’evento di Scirubetta per l’Hospice del 2019.

Ognuno di questi ricordi parlava di lui con semplicità ma con estrema cura e precisione nei dettagli, anche se per molti da poco conosciuto. Ognuno mi riferiva di sorrisi, battute e consigli scambiati e donati durante l’evento con ognuno dei passanti e volontari. Ognuno mi riferiva di come si prodigasse nell’aiuto e nell’insegnare anche qualche “dritta” sull’arte gelatiera. Ognuno mi riferiva del suo grande cuore. Diego infatti aveva un grandissimo cuore Amaranto, un cuore che batteva di energia e vita, sogni e speranza, in grado di contagiare il prossimo e la comunità tutta reggina, oggi raccolta e in lutto. Forse questa, tra le tante specialità e prelibatezze da lui preparate e donate, era la più importante e buona! Ho avuto modo di conoscerlo come pasticcere, attivista, imprenditore, uomo e soprattutto reggino, con armi a propria disposizione come:

Coraggio, grinta, sorrisi e generosità; ho avuto modo di apprezzare la delizia del tuo essere grande Uomo e artista culinario! Ricorderò con piacere il tuo aiuto e il tuo impegno durante quella magica estate del 2019 a difesa dell’Hospice, ricorderò il tuo combattere e dire “io ci sono” con fatti e non solo parole! Il grande risultato ottenuto in termini economici e non solo ottenuto durante la giornata organizzata assieme e voluta da te e dall’associazione Apar è merito anche Tuo! Quei numeri impressi e consultabili da chiunque sono frutto dell’impegno e della solidarietà di uomini come te!

Ti ricorderò Diego, simbolo e vera prelibatezza di Reggio Calabria! Artista e maestro di vita, prima ancora di pasticceria, creatore di gusti di solidarietà e amore verso un Noi prima che un Io! Oggi, io Bruno Monorchio mi unisco e si unisce con me l’Ass. ReteSociale e l’ass. Arte Musica e Parole del presidente Paolo De Stefano al cordoglio cittadino, della tua seconda famiglia dell’Associazione Apar del Presidente Angelo Musolino e della tua famiglia per la scomparsa di un figlio di Reggio, uno dei migliori, che con umiltà e sorrisi rappresentava e rappresenta la migliore cartolina o benvenuto alla nostra città! Ciao Diego".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Ciao Diego, sognatore e creatore di gusti di solidarietà e amore"

ReggioToday è in caricamento