rotate-mobile
Venerdì, 12 Agosto 2022
Cronaca Mosorrofa

Mosorrofa, La Strada: "Non è più possibile rinviare i diritti della cittadinanza"

Il movimento politico si sofferma sulle annose questioni del territorio come la valorizzazione del sito di Bufano e la conclusione dei lavori e della messa in sicurezza della strada in località Sala

"Le audizioni per il bilancio previsionale rivelano, oltre alla ormai conclamata impossibilità di attivare nuovi servizi o implementare quelli esistenti a causa del debito, anche la consueta assenza di programmazione e visione di città".

E' quanto afferma il movimento La Strada che aggiunge: "Non più tardi di due mesi fa, nella nostra costante presenza sui territori, avevamo raccolto con l’associazione Territorio e Progresso di Mosorrofa le tante istanze del borgo storico. Mosorrofa è un centro importante, ma da troppo tempo lamenta problemi per i quali vengono prospettate soluzioni di volta in volta rinviate.

In particolare, da diversi anni l’Amministrazione Comunale prometteva una valorizzazione del sito di Bufano, un’area rilevante per l’ecosistema locale e che potrebbe diventare uno spazio dai tanti usi sociali. Nell’ottobre del 2021, nel corso della conferenza stampa di presentazione del Piano operativo React-Eu, veniva presentata l’area di Bufano come interessata dagli interventi per la realizzazione di un parco con diversi servizi. Abbiamo verificato che il progetto pensato per Bufano non è realizzabile – non almeno con i circa 2 milioni di euro finanziati – a causa di problematiche idrogeologiche evidentemente studiate dopo la conferenza stampa.

Due mesi fa circa, dunque, ricevevamo dagli uffici l’informazione che i fondi React-Eu per Bufano sarebbero stati indirizzati a un altro progetto, già esecutivo peraltro, sempre sul territorio di Mosorrofa: il campo sportivo, per farlo diventare un’area polivalente.

I finanziamenti - continua il movimento - del React-Eu - andranno spesi entro il 2023 e questo ci ha lasciati sperare che, finalmente, almeno per questo aspetto Mosorrofa avrebbe presto visto la realizzazione di un’opera attesa per dare adeguati spazi ai giovani e alle tante realtà del territorio.

Ma nel corso dell’audizione di bilancio previsionale finalizzata a conoscere i progetti nell’ambito del React-Eu non sentiamo il nome di Mosorrofa. Chiediamo. E, in effetti, ci viene riferito che il progetto del campo sportivo – contrariamente a quello che dunque si riteneva poche decine di giorni prima – non è finanziabile con questa linea di interventi. Bisognerà dunque aspettare nuove possibilità e chissà quali tempi. Quantomeno permetteteci di dire che forse forse qualcosa non funziona nella programmazione o nell’organizzazione tra i settori.

E quindi dove saranno stornati i denari pensati per il progetto esecutivo suddetto? Pare che, sempre considerato che vanno spesi entro il 2023, andranno in interventi di illuminazione pubblica. Bene, ma che si pensi anche in questo senso concretamente a Mosorrofa, che si intervenga su questo territorio".

Infine, conclude La Strada "c’è un altro intervento che è necessario e atteso: la conclusione dei lavori e della messa in sicurezza della strada in località Sala. Ci era stato detto che subito dopo l’approvazione della rendicontazione i lavori sarebbero ripartiti. La cittadinanza ancora aspetta, nulla si è mosso.

Non è più possibile rinviare continuamente i diritti della cittadinanza di Mosorrofa. Insieme a Territorio e Progresso chiederemo un incontro con l’Amministrazione Comunale per definire lo stato del borgo e avere risposte chiare e precise sugli interventi reali in programma e da programmare".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mosorrofa, La Strada: "Non è più possibile rinviare i diritti della cittadinanza"

ReggioToday è in caricamento