rotate-mobile
Mercoledì, 10 Agosto 2022
La replica

Museo del bergamotto, Martino: "Il Comune esige il rispetto delle regole"

L'assessore comunale chiarisce sulle polemiche sollevate dall'associazione Accademia del Bergamotto ed elenca gli abusi per i quali l'ente è stato costretto ad attivare la revoca della concessione

"Il Museo del Bergamotto è certamente un valore per la nostra città, ma deve esserlo nel rispetto delle regole e delle leggi che riguardano questo tipo di attività, ancor più quando esse vengono svolte all'interno di una struttura pubblica, concessa dal Comune con regolare bando che prevede chiaramente una serie di incombenze per chi decide di parteciparvi e se lo aggiudica. Purtroppo la procedura per la revoca del contratto di concessione, emessa dopo una lunga serie di confronti con l'associazione ospitata dalla struttura, obbliga l'ente ad agire per il ripristino di una condizione di legalità che riteniamo imprescindibile e la cui mancata applicazione determinerebbe peraltro una messa in mora per lo stesso Ente per l'ipotesi di danno erariale".

Martino Angela-2Così in una nota Angela Martino, assessora alle attività produttive del Comune di Reggio Calabria, chiarisce in merito alle polemiche sollevate negli ultimi giorni da parte dell'Accademia del Bergamotto.

"In più occasioni il Settore Sviluppo economico dell'ente ha invitato l'associazione Accademia del Bergamotto a regolarizzare la sua posizione all'interno della struttura comunale - ha aggiunto Martino - inviti purtroppo infruttuosi che dopo innumerevoli confronti e relativi solleciti non hanno suscitato gli effetti sperati.

C'è da chiarire alcuni aspetti sulla vicenda, anche per dare una reale dimensione dei fatti a chi giustamente vuole farsi una propria idea sulla vicenda. Anzitutto che l'associazione che lo gestisce risulta nella sostanza strutturalmente morosa a fronte del canone, seppur contenuto, che era previsto nell'iniziale affidamento a seguito del bando di gara effettuato dall'ente.

Inoltre - prosegue Martino -  c'è da precisare che la stessa Associazione occupa abusivamente, praticamente dall'inizio della concessione, alcuni spazi, all'interno dei locali del mercato coperto di via Filippini, che non risultano oggetto della concessione. Ed infine che la stessa associazione, a quanto risulta da numerose circostanze pubblicamente documentate, effettua attività di somministrazione che non sono ovviamente previste dal contratto di concessione". 

"Tutti elementi - spiega ancora l'assessora comunale - che non solo risultano nettamente in contrasto con il rispetto delle norme sulle quali l'Ente, per propria attività gestionale, è tenuto a vigilare, ma costituiscono anche un pugno in un occhio rispetto alle attività onestamente portate avanti a livello commerciale da migliaia di operatori economici che quotidianamente lavorano sul nostro territorio". 

"Non comprendiamo dunque i toni della polemica sollevata dall'Associazione. Negli ultimi anni il Comune di Reggio Calabria ha più volte incontrato i rappresentanti, concedendo, a fronte di un fitto carteggio, una serie di proroghe e occasioni di dilazione dei pagamenti pregressi dei canoni dovuti. A fronte di tale disponibilità però non abbiamo riscontrato da parte dell'associazione una reale e fattiva volontà di rientrare nel binario della legalità.

E questo purtroppo risulta intollerabile, non certo per una volontà arbitraria dell'indirizzo politico, ma per la stessa attività gestionale dell'ente, che è tenuto a rispondere della propria condotta e non può in alcun modo soprassedere su un atteggiamento che ha prodotto, nel tempo, una serie di abusi inaccettabili e sperequativi nei confronti della stragrande maggioranza dell'imprenditoria onesta che caratterizza il tessuto produttivo del nostro territorio".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Museo del bergamotto, Martino: "Il Comune esige il rispetto delle regole"

ReggioToday è in caricamento