menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Museo del Mare, i capigruppo di maggioranza: "Il finanziamento premia il lavoro del Comune"

Il finanziamento destinato dal Governo per un totale di 53 milioni "garantirà la possibilità di dare corpo e concretezza al prestigioso progetto di Zaha Hadid"

"Il finanziamento del Museo del Mare, lo straordinario progetto di Zaha Hadid, rappresenta una grande occasione di sviluppo per il nostro territorio". È quanto affermano in una nota i capigruppo di maggioranza a Palazzo San Giorgio che aggiungono: "L'inserimento nel masterplan dei cosiddetti progetti bandiera, individuati dal ministero per i Beni e le Attività Culturali ed inseriti nel complesso delle risorse del RecoveryFund, premia il lavoro certosino e silenzioso promosso dalla nostra amministrazione comunale e dal sindaco Giuseppe Falcomatà". 

Per i consiglieri "in questi anni mentre si lavora alacremente per arrivare al completamento definitivo del waterfront, opera già di per se straordinaria che ha il merito di riqualificare e rigenerare la porzione di territorio urbano ricompresa tra il Lungomare Falcomatà ed il porto cittadino, l'amministrazione ed il sindaco hanno lavorato in maniera silenziosa ma assolutamente determinata, cercando le soluzioni più idonee a garantire il finanziamento del progetto di Zaha Hadid, vera e propria ciliegina sulla torta del complesso di opere e infrastrutture in corso di completamento da parte della nostra amministrazione, per la rigenerazione dell'intero frontemare cittadino, da Bocale fino a Catona".

"Il finanziamento destinato, per un totale complessivo di 53 milioni di euro, uno dei più cospicui finanziamenti mai messi a disposizione nella storia della nostra città, garantirà la possibilità di dare corpo e concretezza al prestigioso progetto.

Tra l'altro senza gravare nemmeno di un euro sulle casse comunali, attingendo quindi completamente a fondi che sono stati destinati dal Governo all'interno del masterplan del Recovery Fund. Non è un caso che l'Esecutivo nazionale, anche grazie alla disponibilità del ministro Franceschini e all'nterlocuzione favorita da Anci, abbia individuato il progetto presentato dalla nostra città.

Il finanziamento è frutto della credibilità e dell'autorevolezza acquisita dalla nostra città sul piano nazionale, grazie soprattutto al buon lavoro del sindaco e dell'intera amministrazione comunale, nella sua capacità di gestione e di spesa dei fondi extracomunali, che costituiscono il vero motore dello sviluppo per il nostro territorio".

"Se pensiamo a tutti i cantieri in corso di realizzazione o in fase di progettazione, dal Lungomare di Pellaro con il parco del vento, dalla Omeca San Gregorio, al nuovo Parco Lineare Sud, il ponte sul Calopinace, il waterfront e gli interventi di rigenerazione sull'area portuale, ed ancora gli interventi sui Lungomare di Gallico e Catona, con il ponte che li unirà, comprendiamo la mole di investimenti intercettati da questa amministrazione e l'attenta e meticolosa programmazione messa in campo in questi anni, che ci consentirà di generare un nuovo rapporto tra la Città ed il mare, che va visto come una risorsa da tutelare e valorizzare, in chiave produttiva e naturalmente sotto l'aspetto di attrattiva turistica.

Ed in questo contesto, la realizzazione del Museo del Mare di Zaha Hadid, sul quale ora si dovrà procedere in maniera spedita per arrivare presto alla cantierizzazione, costituisce il coronamento di un disegno complessivo in grado di cambiare il futuro della nostra città".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ReggioToday è in caricamento