rotate-mobile
Lunedì, 23 Maggio 2022
L'appello

"Non c'è altro tempo da perdere", Dda Milano lancia l'allarme 'ndrangheta sui giochi invernali

Il pm Alessandra Dolci ha chiesto un protocollo d'intesa tra enti organizzatori e le imprese coinvolte nei lavori di Milano-Cortina del 2026

"Non c'è altro tempo da perdere". E' allarme dalla Direzione distrettuale antimafia di Milano sulle misure anti infiltrazioni mafiose in vista delle Olimpiadi di Milano-Cortina del 2026. A intervenire - per sollecitare un protocollo d'intesa tra enti organizzatori e le imprese coinvolte nei lavori sul modello di Expò 2015, magari coordinato dalla Prefettura- è stata la responsabile Dda di Milano, il pm Alessandra Dolci, ascoltata stamane dalla seduta congiunta delle commissioni Olimpiadi e Antimafia di Palazzo Marino. Dolci ha ricordato che in particolare la criminalità calabrese, l'ndrangheta, è attiva nel movimento terra, e che attraverso il traffico di camion e autisti- come emerso anche da passate indagini- "esercita il controllo del territorio, una cosa inaccettabile".

I controlli spetteranno alla polizia locale e a gruppi interforze gestiti dalla Prefettura. Rispetto alle possibili resistenze delle imprese ad aderire al protocollo il magistrato si è detto ottimista: "Credo sia un argomento convincente per molti soggetti privati" accettare un sistema di controlli che "eviterà loro misure di amministrazione giudiziaria che altrimenti sarebbero disonorevoli" e inciderebbero sulla reputazione, dunque sulla capacità di stare sul mercato.

L'adesione volontaria ai controlli stabiliti dal protocollo, hanno convenuto un po' tutti i consiglieri, in particolare Enrico Fedrighini (Sala sindaco) avrebbero l'effetto "di fare emergere tutta la catena dei subappalti. Chi non risponde sceglie l'opacità" e di conseguenza attira su di sè il faro dell'attività inquirente. Per coordinare l'adesione delle imprese private i presidenti delle due commissioni, Rosario Pantaleo (Antimafia) e Alessandro Giungi (Olimpiadi) hanno convenuto di convocare quanto prima in commissione l'ente privato organizzatore, e cioè la Fondazione Milano-Cortina. Disco verde al protocollo dalle opposizioni di centrodestra.

L'ex candidato sindaco Luca Bernardo ha sollecitato l'accordo "bipartisan" dell'aula "anche perchè Milano nei prossimi 5-10 anni subirà la trasformazione urbanistica più importante d'Europa"; Chiara Valcepina (Fdi) ha evidenziato il positivo "effetto trascinamento" del protocollo da un'impresa che aderisce all'altra che deve ancora farlo. A indurre la responsabile Dda a fare fretta ai consiglieri anche il fatto che i cantieri 2026 sono in piena attività. L'ex presidente della commissione Antimafia di Palazzo Marino, David Gentili, ha ricordato che sono in via di conclusione le bonifiche dei terreni a Porta Romana e Santa Giulia, dove operano grandi gruppi che possono dare l'esempio virtuoso a tutte le altre aziende: "Rinascimento ci aveva dato garanzie, Coima non siamo riusciti a convocarla perchè si stava chiudendo il mandato".

Ma su Porta Romana operano anche Convivio e Prada. Il protocollo dovrebbe poter essere sottoscritto anche da chi non è socio Ance-Confindustria, nonostante Assolombarda sia stata una delle associazioni protagoniste del protocollo Expo' 2015. A preoccupare Pantaleo anche la natura dei cantieri Olimpiadi, molto più diffusi di quelli Expo. "Allora, semplifico- ha detto- c'erano un'entrata e un'uscita, per le Olimpiadi ci sono decine di cantieri" diffusi sul territorio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Non c'è altro tempo da perdere", Dda Milano lancia l'allarme 'ndrangheta sui giochi invernali

ReggioToday è in caricamento