Arrestato Domenico Bellocco, il latitante si nascondeva in un casolare di Mongiana

Il giovane rampollo dell'omonimo casato di 'ndrangheta di Rosarno era in possesso di documenti contraffatti, si era sottratto alla cattura nell'operazione “Magma”

Il latitante è stato scovato a Mongiana

I militari dei comandi provinciali di Reggio Calabria della guardia di finanza e dell’Arma dei carabinieri hanno eseguito una operazione di polizia giudiziaria conclusasi con la cattura di Domenico Bellocco, latitante di ‘ndrangheta ed esponente di spicco della omonima cosca di Rosarno, uno dei sodalizi criminali mafiosi più potenti del mandamento tirrenico, con ramificazioni in tutta Italia e in Europa.

Il latitante è stato localizzato e catturato in un casolare in una zona rurale comune di Mongiana, in esito alle risultanze di indagini di polizia giudiziarie dirette dal Procuratore capo Giovanni Bombardieri e coordinate dall’aggiunto Gaetano Calogero Paci della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Reggio Calabria - Direzione Distrettuale Antimafia e Antiterrorismo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le investigazioni sono state eseguite dal Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria del capoluogo reggino e sono state avviate nel 2019 nei confronti di un’organizzazione di stampo mafioso dedito al narcotraffico di cocaina verso il territorio nazionale a mezzo container e al riciclaggio dei relativi proventi illeciti.

Nell’ambito dell’operazione, “Tre croci”, il Gico – Gruppo d’investigazione sulla criminalità organizzata, ha raccolto questo pomeriggio elementi utili alla localizzazione del pericoloso ricercato, in maniera convergente con le risultanze di specifiche attività investigative condotte dal Nucleo Investigativo dei carabinieri di Reggio Calabria.

Il comando provinciale delle fiamme gialle di Reggio Calabria, in coordinamento con quello di Vibo Valentia e con il supporto aereo della sezione aerea di Lamezia Terme e operativo della compagnia pronto Impiego di Reggio Calabria, ha attivato un dispositivo repressivo, insieme al personale del Nucleo Investigativo del comando provinciale dei carabinieri di Reggio Calabria, delle aliquote di primo Intervento dell’Arma, dello squadrone eliportato “Cacciatori di Calabria” e della compagnia di Serra San Bruno dell’Arma, che ha consentito di catturare Bellocco Domenico.

Il latitante, ricercato dal novembre 2019 per associazione per traffico di sostanze stupefacenti e di tipo mafioso, si era sottratto ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dall’autorità giudiziaria reggina, in esito alle risultanze di una precedente operazione antidroga del Goa di Reggio Calabria, denominata “Magma”.

L’arrestato sarà associato alla casa circondariale di Vibo Valentia, a disposizione dell’autorità giudiziaria. Allo stato, sono in corso ulteriori investigazioni al fine di identificare e rintracciare eventuali soggetti che abbiano favorito la latitanza dell’arrestato, il quale disponeva di documenti falsi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Tar Calabria boccia la scelta di Spirlì, per i giudici amministrativi si può tornare in classe

  • Coronavirus, la Calabria resta in zona rossa: nuova ordinanza del ministro Speranza

  • Lavori sulla linea ferroviaria jonica, operaio muore nei pressi della stazione di Condofuri

  • Birre al bergamotto e all’estratto di olive conquistano il palato e fanno bene alla salute

  • Pioggia e vento su Reggio Calabria, allerta meteo arancione: il Comune attiva il Coc

  • Uomo si barrica in casa, i Carabinieri lo stanano e lo portano in ospedale

Torna su
ReggioToday è in caricamento