menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il procuratore Bombardieri

Il procuratore Bombardieri

Operazione "Helios", chiesto il rinvio a giudizio per Nino Castorina e Giovanni Nucera

I magistrati della Dda reggina, invece, hanno chiesto l’archiviazione per Domenica Catalfamo, Armando Neri, Giovanni Muraca, Rocco Albanese, Filippo Quartuccio e l’ex sindaco di Taurianova Fabio Scionti

La Procura della Repubblica di Reggio Calabria ha chiesto il rinvio a giudizio di Nino Castorina e Giovanni Nucera: l’ex consigliere comunale del Pd e l’ex consigliere regionale indagati nell’ambito dell’inchiesta “Helios”: il blitz dell’ufficio di procura che ha ha portato all’amministrazione giudiziaria dell’Avr spa. Come si ricorderà l’indagine ha portato alla luce un presunto tentativo delle cosche di infiltrare l’Avr che, secondo gli investigatori, “ha concesso assunzioni di soggetti sponsorizzati dalla politica e affidato lavori a ditte gradite dalla criminalità organizzata”.

A giudizio andranno inoltre i dipendenti della stessa azienda, Francesco Antonio Purrone e Giglio Genoese, nei confronti dei quali otto mesi fa la Procura aveva chiuso le indagini per concorso esterno con la ‘ndrangheta. Castorina e Nucera, invece, dovranno difendersi dall’accusa di tentata induzione indebita a dare o promettere utilità.

Il procuratore capo Giovanni Bombardieri e i sostituti Stefano Musolino, Walter Ignazitto e Alessandro Moffa, invece, hanno chiesto l’archiviazione per l’assessore regionale alle infrastrutture Domenica Catalfamo, l’ex vicesindaco di Reggio Calabria, oggi consigliere comunale, Armando Neri, gli assessori comunali Giovanni Muraca e Rocco Albanese, il consigliere Filippo Quartuccio e l’ex sindaco di Taurianova Fabio Scionti. Erano accusati di tentata induzione indebita a dare o promettere utilità

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

"Dove", Buttaro ambasciatore per il giornalismo in Italia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ReggioToday è in caricamento