'Ndrangheta, la Guardia di finanza confisca i beni a famiglia boss basso Lazio

I militari delle Fiamme gialle hanno messo sotto chiave beni immobili, autoveicoli e quote societarie, per un valore complessivo di circa 2,8 milioni di euro

La confisca è stata eseguita dalla Guardia di finanza

Militari del comando provinciale della guardia di finanza di Roma hanno eseguito il decreto con il quale la Corte di Appello capitolina ha confermato l'analogo provvedimento di confisca emesso dal Tribunale di Latina, su richiesta della Direzione distrettuale antimafia di Roma, avente ad oggetto i beni immobili, autoveicoli e quote societarie, per un valore complessivo di circa 2,8 milioni di euro, riconducibili a Carmelo Giovanni Tripodo, deceduto nel 2019.

Di origini calabresi, Tripodo ha dimorato per oltre 30 anni nella zona del basso Lazio dove è stato capo e promotore di un'associazione di stampo mafioso che ha gestito e controllato illecitamente attività economiche e commerciali, condizionando il rilascio di concessioni, autorizzazioni, appalti e servizi pubblici, come accertato all'esito di indagini coordinate dalla Direzione Distrettuale Antimafia capitolina nell'ambito delle operazioni di polizia "Damasco" e "Damasco 2", concluse con il suo arresto nel 2009.

Per questo, nel giugno 2013 il boss è stato condannato per il reato associativo, oltre che per reati in materia di traffico di stupefacenti e intestazione fittizia di beni, nonché per alcuni fatti di abuso d'ufficio in concorso con un amministratore pubblico del Comune di Fondi.

I successivi approfondimenti patrimoniali svolti dai Finanzieri del Gico del Nucleo di Polizia Economico Finanziaria hanno consentito di documentare la palese sperequazione tra gli esigui redditi dichiarati da Tripodo e dai membri del suo nucleo familiare e il patrimonio, costituito da società e immobili, in parte intestati a compiacenti prestanome, frutto del reimpiego dei profitti derivanti dalle attività illecite.

Il provvedimento di confisca della Corte di Appello di Roma, che, a seguito del decesso del proposto, è stato emesso nei confronti dei suoi eredi, comprende 3 società e il relativo compendio aziendale, operanti nei settori delle pulizie e del trasporto merci per conto terzi; un vasto patrimonio immobiliare composto da 15 unità abitative e commerciali, nonché 9 terreni siti a Fondi (Latina) e 13 automezzi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'attività testimonia il costante impegno della Procura della Repubblica/Dda, della Corte di Appello e della guardia di finanza di Roma nell'aggressione ai patrimoni accumulati dalla criminalità organizzata per sottrarre definitivamente i beni al circuito economico illecito di origine e restituirli alla collettività.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Calabria, terra mia", alla Festa del Cinema di Roma la presentazione del corto di Muccino

  • Nuovo Dpcm contro il Covid: stop anticipato a ristoranti e bar, no al divieto di circolazione

  • Nuove misure contro il Coronavirus, verso un nuovo Dpcm entro domenica 25 ottobre

  • La Calabria verso il coprifuoco e la chiusura delle scuole: in arrivo nuova ordinanza regionale

  • Falcomatà battezza la sua nuova giunta: "Capaci di vincere le partite più difficili"

  • Chiusa autocarrozzeria abusiva, proprietario denunciato anche per furto di acqua

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ReggioToday è in caricamento