Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Operazione "Eyphemos II", Bombardieri: "Colpiti interessi anche al Nord" | VIDEO

E' il commento del procuratore capo dopo gli esiti dell'inchiesta, condotta dalla polizia di stato, che ha portato all'arresto di nove persone e al sequestro di imprese, società, bar, ristoranti e beni immobili per circa 2 milioni di euro

 

"Sicuramente la specificità di questa operazione sta nell'aver colpito interessi patrimoniali di alcuni soggetti di riferimento della cosca in Calabria e anche nel Nord Italia, con il sequestro di importanti iniziative economiche, bar e ristoranti, nonché alcune aziende che operano nel ramo delle costruzioni".

Lo ha affermato il procuratore della Direzione distrettuale antimafia di Reggio Calabria, Giovanni Bombardieri, commentando gli esiti dell'operazione "Eyphemos II" che questa ha portato all'arresto di nove persone e al sequestro di imprese, società, bar, ristoranti e beni immobili per circa 2 milioni di euro nella provincia di Reggio Calabria ma anche ad Ancona, Pesaro Urbino e Milano.

Gli arrestati sono accusati di essere capi, elementi di vertice e prestanomi di una pericolosa articolazione di 'ndrangheta operante a Sant'Eufemia d'Aspromonte e dipendente dalla potente cosca Alvaro imperante a Sinopoli, San Procopio, Cosoleto, Delianuova e zone limitrofe.

Gli interessi della cosca, ha evidenziato Bombardieri, "andavano dalla ristorazione alle costruzioni fino all'intermediazione mobiliare. Si articolavano sul territorio nazionale, non solo in Calabria ma anche in Lombardia e nelle Marche", ma "l'importanza dell'operazione è di aver ricostruito una serie di importanti relazioni che hanno consentito anche di accertare il ruolo che all'interno della cosca svolgeva un commercialista, che non si limitava a fornire il suo apporto tecnico alle attività commerciali che gli venivano affidate, ma svolgeva quasi un ruolo di 'consigliori' a tutto tondo, sia nell'individuazione delle iniziative economiche che servivano a schermare gli investimenti di soggetti della cosca, sia attività materiale".

Potrebbe Interessarti

Torna su
ReggioToday è in caricamento