Domenica, 24 Ottobre 2021
Cronaca

'Ndrangheta, tentate estorsioni: in manette tre affiliati alle potenti cosche Libri e Morabito

Operazione "Pensierino" della Guardia di finanza. I tre sono considerati responsabili dei reati di tentata estorsione pluriaggravata, anche dal metodo e dall’agevolazione mafiosa, nei confronti di una ditta operante nel settore della manutenzione delle condotte idriche e del gas nella zona di Mosorrofa e Terreti

Operazione "Pensierino" del comando provinciale della Guardia di finanza di Reggio Calabria su disposizione della Direzione distrettuale antimafia. Tre persone, ritenute affiliate o comunque contigue alle potenti cosche di ‘ndrangheta Libri e Morabito, questi ultimi detti “I grilli di Terreti”, sono state arrestate dai militari perchè considerate a vario titolo responsabili dei reati di tentata estorsione pluriaggravata, anche dal metodo e dall’agevolazione mafiosa, perpetrati nei confronti di una ditta reggina operante nel settore della manutenzione delle condotte idriche e del gas, in due distinte occasioni e precisamente nella zona di Mosorrofa e Terreti.

Il provvedimento, a firma del giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Reggio Calabria, Vincenza Bellini, su richiesta della Procura della Repubblica di Reggio Calabria, diretta dal procuratore capo Giovanni Bombardieri, nell’ambito di un’operazione coordinata dal sostituto procuratore Sara Amerio, costituisce l’epilogo di articolate indagini di polizia giudiziaria.

I nomi degli arrestati: 

  • Artuso Antonio Riccardo cl. 77;
  • Serafino Vincenzo cl. 65;
  • Scordo Bruno cl. 83.

L'operazione

"Particolarmente rilevante, sotto il profilo criminale, - spiegano dal comando della Guardia di finanza - è la figura di Antonio Riccardo Artuso, quale intraneo alla cosca Libri di Reggio Calabria, già gravato da numerosi precedenti per associazione di stampo mafioso, corruzione e stupefacenti. Al pari risulta lo spessore criminale di Vincenzo Serafino, arrestato nel 2010, quale affiliato alla cosca Morabito di Terreti, per essere stato tra i fiancheggiatori del boss Giovanni Tegano ed averne favorito la latitanza".

"Il pensierino per le feste natalizie"

L’operazione è stata denominata “pensierino” in quanto secondo gli inquirenti "nel corso dell’attività tecnica è più volte emerso come la pretesa estorsiva non venisse esattamente quantificata, dagli estorsori che si presentavano sui cantieri ovvero presso la sede della ditta, ma manifestata dagli stessi tramite la richiesta appunto di un “pensierino”, viste le imminenti festività natalizie". Le indagini hanno consentito di accertare due distinti episodi analoghi per le modalità delle richieste estorsive "segnatamente uno durante i lavori eseguiti su un cantiere in Mosorrofa e l’altro in Terreti, perpetrate dai menzionati soggetti che si presentavano nei citati luoghi impendendo, agli operai presenti sul posto, la prosecuzione dei lavori fin quando non avessero interloquito con i titolari dell’azienda per avanzare direttamente la pretesa estorsiva, intimando di riferire loro che si sarebbero dovuti “mettere a posto”, “parlando con chi dovevano parlare”".

"Lo spessore criminale degli arrestati - continua ancora la Guardia di finanza - era conosciuto anche dai vari soggetti escussi come persone informate sui fatti, i quali hanno, anche per timore di eventuali ritorsioni, reso più volte dichiarazioni false o reticenti, smentite poi dalle captazioni ambientali".

Dalle indagini è emerso "come i titolari della ditta, a causa delle insistenti pretese estorsive da parte di Antonio Riccardo Artuso, abbiano successivamente ritenuto di chiedere l’intervento di un loro operaio, Bruno Scordo, affinché si rivolgesse ad un “soggetto intermediario”, Pietro Sinicropi, altro soggetto molto vicino alla cosca Libri, che sarebbe riuscito nell’intento di far cessare le richieste dell’estorsore".

Fatture per operazioni inesistenti

Le attività investigative hanno permesso, inoltre, di individuare elementi in relazione alla commissione del favoreggiamento personale e dei reati di dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture per operazioni inesistenti, emissione di fatture per operazioni inesistenti nei confronti delle società emittenti  e frode nelle pubbliche forniture. Per quanto riguarda il reato di dichiarazione fraudolenta attraverso "l'uso di fatture per operazioni inesistenti è stato infatti accertato che la ditta operante a Reggio Calabria e provincia abbia utilizzato F.O.I. emesse da quattro ditte dislocate sul territorio nazionale (Napoli, Taranto e Reggio Calabria) che hanno consentito un’evasione di imposte ai fini Irpef e Iva per complessivi 75.003,00 euro, somma oggetto di sequestro preventivo".

In relazione al reato di frode in pubbliche forniture, i finanzieri hanno accertato che a fronte della stipula con il comune di Palmi di un “Contratto di appalto dei lavori di manutenzione/riparazione fognature e strade del comune di Palmi anno 2016/2017”, la ditta appaltatrice ha richiesto il pagamento di lavori non realmente effettuati. In particolare non effettuava la pulizia di pozzetti, griglie di raccolta delle acque piovane attestando falsamente di averle eseguite, anche mediante la realizzazione di documentazione fotografica redatta ad arte al fine di dimostrare la necessità di ripulire tombini in realtà non necessitanti di interventi.

Complessivamente, nell’ambito del procedimento penale, si procede nei confronti di 13 persone. "Il provvedimento cautelare personale e reale eseguito costituisce la conclusione di un complesso iter investigativo che dimostra - ancora una volta - la costante azione di contrasto alla criminalità organizzata e all’infiltrazione della ‘ndrangheta nell’economia legale con particolare riferimento al settore degli appalti pubblici svolta dalla Guardia di finanza sotto la direzione della Procura della Repubblica reggina".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

'Ndrangheta, tentate estorsioni: in manette tre affiliati alle potenti cosche Libri e Morabito

ReggioToday è in caricamento