Processo "Minotauro", ordine di carcerazione per tre boss delle cosche piemontesi

I Carabinieri hanno dato esecuzione dd un ordine di carcerazione emesso dall'ufficio esecuzioni penali della Corte d'Appello dopo la sentenza della Cassazione

Controlli dei Carabineri

I carabinieri del nucleo investigativo del comando provinciale di Torino hanno arrestato per associazione di tipo mafioso, tre condannati per l'inchiesta Minotauro sulle infiltrazioni della 'ndrangheta sul territorio torinese.

Si tratta di Domenico Agresta, 34 anni, esponente di spicco della locale di Volpiano, che deve scontare tre anni, quattro mesi e 15 giorni di reclusione, di Salvatore Demasi, 76 anni, esponente di spicco della locale di Rivoli, che deve scontare tre anni, sei mesi e 13 giorni di reclusione, e di Rosario Marando, 52 anni, anch'egli appartenente alla locale di Volpiano, che deve scontare tre anni, otto mesi e 25 giorni di reclusione.

Il provvedimento è scattato in esecuzione di un ordine di carcerazione emesso dall'ufficio esecuzioni penali della Corte d'Appello del capoluogo piemontese dopo la pronuncia della Corte di Cassazione, che ha pronunciato la condanna definitiva e inappellabile nei loro confronti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il pm Musolino boccia i commissariamenti: "Fallimento a tutto tondo"

  • Coronavirus, la Calabria resta in zona rossa: nuova ordinanza del ministro Speranza

  • Il Tar Calabria boccia la scelta di Spirlì, per i giudici amministrativi si può tornare in classe

  • 'Ndrangheta, sigilli alla "Pescheria del viale" e ai conti di Alfonso Molinetti e dei familiari

  • Un malore stronca un anziano sul centralissimo Corso Garibaldi

  • Le menti del "Farmabusiness" avevano puntato anche la Città dello Stretto

Torna su
ReggioToday è in caricamento