rotate-mobile
Lunedì, 8 Agosto 2022
La sentenza

Il processo "Teorema-roccaforte" regge in appello: per la cosca Libri 12 condanne

A Filippo Chirico, genero del defunto Pasquale Libri, che è stato condannato a 19 anni di reclusione, la pena più alta, una sola assoluzione: quella di Pasquale Repaci

Si è concluso con 12 condanne e un’assoluzione il processo “Teorema-Roccaforte” svoltosi in corte d’appello, con presidente Olga Tarzia. La pena più alta è stata inflitta al boss Filippo Chirico, genero del defunto Pasquale Libri,  che è stato condannato a 19 anni di reclusione, uno in meno rispetto a quanto disposto con la sentenza di primo grado, emessa nel 2019.

Anche nel processo di secondo grado, i giudici hanno confermato le accuse contestate dal sostituto procuratore della Dda Walter Ignazitto che ha coordinato le indagini condotte dalla squadra mobile di Reggio Calabria e dal Ros dei carabinieri sulla cosca Libri.

Sono stati condannati anche Angelo Chirico a 11 anni e 4 mesi e Anita Repaci a 8 anni e 8 mesi, figlio e compagna del reggente della cosca Filippo Chirico.
La corte d'appello ha giudicato colpevoli anche Antonio Riccardo Artuso, condannato 12 anni e 8 mesi; Gaetano Tomaselli (12 anni e 4 mesi), Demetrio Morabito (8 anni), Domenico Ventura (9 anni e 4 mesi), Maria Teresa Ventura (8 anni), Salvatore Repaci (5 anni e 4 mesi), Bruno Caridi (2 anni), Carmela Nucera (un anno e 4 mesi) ed Elisabetta Ferro (10 mesi e 20 giorni). È stata confermata, infine, l’assoluzione di Pasquale Repaci.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il processo "Teorema-roccaforte" regge in appello: per la cosca Libri 12 condanne

ReggioToday è in caricamento