'Ndrangheta, sotto chiave beni per 1,5 milioni a esponente di spicco della cosca Piromalli

Operazione "Provvidenza bis" dei carabinieri. Il provvedimento è stato emesso dal Tribunale di Reggio Calabria, su richiesta della Dda. Sigili al "tesoro" di Girolamo Mazzaferro

Sequestro da un milione e mezzo di euro tra Roma e Reggio Calabria al "decano" della cosca Piromalli. E' il risultato dell'operazione "Provvidenza bis", condotta dal raggruppamento operativo speciale dell'Arma dei carabinieri, coadiuvato in fase esecutiva dal comando provinciale di Reggio Calabria.

Il provvedimento, emesso dal Tribunale della Repubblica di Reggio Calabria, sezione misure di prevenzione, su richiesta della Direzione distrettuale antimafia, diretta dal procuratore Giovanni Bombardieri, ha colpito i beni di Girolamo Mazzaferro, 85 anni, esponente di spicco della cosca di 'ndrangheta Piromalli di Gioia Tauro. L'esecuzione ha interessato la provincia di Reggio Calabria e Roma.

I beni sequestrati:

Due imprese agricole attive nel comune di Gioia Tauro, con un patrimonio aziendale ed un volume d'affari annuo di circa 200 mila euro; 

Quattro immobili (tra cui 3 abitazioni, 1 terreno agricolo) siti nei comuni di Gioia Tauro e Roma, con un valore stimato di circa 600 mila euro; 

Due immobili (1 deposito ed 1 terreno edificabile su cui era già stata programmata una lottizzazione immobiliare) acquisiti mediante usura contro due cittadini di Gioia Tauro, con un valore stimato di circa 700 mila euro. 

L'articolata attività d'indagine patrimoniale, diretta dal procuratore aggiunto Calogero Gaetano Paci e dai sostituti Pantano, D'Ambrosio e De Caria, è stata avviata dopo l'esecuzione dell'operazione "Provvidenza", avvenuta tra il gennaio ed il febbraio 2017, che aveva portato alla disarticolazione della cosca Piromalli e all'arresto dei propri esponenti apicali, tra cui anche Girolamo Mazzaferro, risultato direttamente collegato ai fratelli Piromalli Gioacchino, 86 anni, Antonio, 81 anni e Giuseppe, 75 anni.

Le indagini

"Gli accertamenti - spiegano i carabinieri del Ros - hanno consentito di ricostruire il percorso di crescita imprenditoriale di Girolamo Mazzaferro, divenuto sin dagli anni '60 un esponente di rilievo della consorteria 'ndranghetista operante sulla piana di Gioia Tauro, vincitrice del primo conflitto di mafia scoppiato tra gli anni '70 ed '80 ed oggetto del procedimento "De Stefano Paolo + 59", pietra miliare della storia del contrasto alla mafia calabrese.

In questo contesto, forte dei guadagni illeciti acquisiti a seguito della partecipazione nel 1975 all'appalto relativo alla costruzione del V centro siderurgico di Gioia Tauro, trasformato successivamente nell'attuale porto, Mazzaferro aveva avviato insieme al fratello Teodoro, 82 anni, colpito nel giugno scorso da misura di prevenzione patrimoniale con il recupero di un patrimonio illecito di 6 milioni e mezzo di euro, un'innumerevole serie di investimenti immobiliari nei territori di Gioia Tauro e Palmi, con il concorso finanziario dei fratelli Piromalli.

Il proposto in particolare dava il supporto criminale al fratello Teodoro, facendosi da garante con i vertici della cosca "Piromalli" per ottenere ingenti capitali di provenienza illecita con cui avviare numerose lottizzazioni immobiliari nei comuni di Gioia Tauro e Palmi.

Negli ultimi anni, il decano Girolamo Mazzaferro assumeva una posizione di responsabilità ancora maggiore in seno all'organizzazione, avendo un raccordo diretto con i fratelli Piromalli, interloquendo con i rappresentanti di diverse cosche della tirrenica (Alvaro e Crea su tutte) e divenendo il più qualificato punto di riferimento criminale dell'organizzazione sul territorio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Forte di questa posizione, acquisiva, nella marina di Gioia Tauro, mediante usura in danno di due cittadini gioiesi, un deposito ed un terreno edificabile su cui era stata già pianificata una lottizzazione immobiliare".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gallo e la M&G Holding, le Iene "indagano" sulla società del presidente amaranto

  • Nuovo Dpcm contro il Covid: stop anticipato a ristoranti e bar, no al divieto di circolazione

  • "Batteri coliformi nell'acqua", scatta il divieto per uso alimentare in alcune zone della città

  • Falcomatà battezza la sua nuova giunta: "Capaci di vincere le partite più difficili"

  • La droga in Sicilia arrivava via mare, due arresti sulle acque dello Stretto

  • L’annona il “pane degli dei” simbolo di Reggio: alla scoperta del frutto esotico

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ReggioToday è in caricamento