rotate-mobile
La scarcerazione / Platì

Ndrangheta, il boss Rocco Barbaro è tornato in libertà

In Cassazione è parzialmente caduta la condanna a 16 anni per associazione mafiosa e intestazione fittizia di beni

Il boss della ‘ndrangheta di Platì Rocco Barbaro da ieri è un uomo libero. In Cassazione, secondo quanto riporta l’edizione milianese del Corsera, la condanna a 16 anni di carcere è parzialmente caduta: era stato ritenuto colpevole in primo grado di associazione mafiosa e intestazione fittizia di beni come il bar “Vecchia Milano” di corso Europa del capoluogo lombardo. L’accusa per “U Sparitu”, così era stato soprannominato, è di intestazione fittizia a una terza persona: la precedente gestione del bar aveva contratto numerosi debiti, in particolare con i Monopoli di Stato. Non solo, Barbaro controllava il nuovo titolare, un compaesano di Platì, in Calabria. Rocco Barbaro era inserito nell'elenco dei trenta latitanti più pericolosi.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ndrangheta, il boss Rocco Barbaro è tornato in libertà

ReggioToday è in caricamento