rotate-mobile
Domenica, 2 Ottobre 2022
Università Mediterranea

#NonCiFermaNessuno, Abete: "Guardare all'insuccesso come occasione di crescita"

L'inviato di Striscia la notizia ha incontrato gli studenti reggini. Consegnato il premio ad Alessandro Confido neolaureato in ingegneria

Sta percorrendo l'Italia, dal nord al sud, Luca Abete per #NonCiFermaNessuno, la campagna sociale nelle Università italiane, giunta ormai all'ottava edizione, ideata dalla storico inviato di Striscia la notizia. 

Una giro d'Italia, dieci tappe, per trasmettere fiducia e coraggio ai ragazzi, soprattutto in questo momento segnato dalla pandemia e dalla guerra in Ucraina.

Il suo tour oggi ha fatto tappa a Reggio Calabria e Luca Abete ha incontrato gli studenti dell'Università Mediterranea. Un incontro di più di due per parlare del valore delle sconfitte e saper guardare all'insuccesso come occasione per crescere. Dopo tre anni è dunque tornato alla Mediterranea ma visto il momento pandemico l'incontro è stato in modalità online, con una interazione attiva con gli studenti reggini. In collegamento anche il rettore Santo Marcello Zimbone che ha evidenziato come "le sorprese arrivano perché si cercano. E per cercarle bisogna crederci, bisogna osare, bisogna avere coraggio di investire su se stessi. L’impegno dell’Università è quello di creare opportunità, affinché i giovani della Calabria non debbano pensare necessariamente di andar via ma abbiano la possibilità di creare qui il loro futuro" e don Mazzi che è intervenuto per stimolare le riflessioni degli studenti ricordando di quando l’alluvione del ’51 lo illuminò fino a portarlo ad indossare l’abito talare e di quando, più tardi, si ritrovò con un coltello puntato alla gola nel parco Lambro a Milano. A fargli vincere la paura (anzi, la “fifa”, come lo stesso sacerdote ha invitato a definirla per ridurne gli effetti negativi) la convinzione della portata delle sue azioni. E, rivolgendosi ai ragazzi, l’invito a cogliere la forza interiore che muove il mondo. "Fermatevi, svuotate la testa e ascoltate le meraviglie del mondo che avete dentro".

.Una iniziativa, dunque, fortemente voluta da Luca Abete e che gode del patrocinio del ministero per le Politiche giovanili e della Crui (Conferenza dei Rettori Universitari Italiani) e vanta, inoltre, la medaglia del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.

Un impegno sociale 

Simpatia e empatia sono le doti di Luca Abete che anche attraverso il video arrivano dritte agli studenti. 

"Parlo con i ragazzi per far capire loro che non devono pensare all'insuccesso come una catastrofe, ma anche i fallimenti sono una occasione di crescita. Porta la mia testimonianza in giro per l'Italia e racconto che se sono riuscito io, possono farlo anche loro e non ci sono scuse per chi è del Sud: io sono di Avellino, -sottolinea con orgoglio Luca Abete". 

E' una missione sociale la sua, così come anche quella sul piccolo schermo. Spiega Abete: "Io ero uno studente di archiettura, proprio come i tanti ragazzi che ho incontrato stamattina, ma oltre a studiare lavoravo, portavo il sorriso a chi ne aveva bisogno, ai bambini, agli ammalati e ho capito che quella era la mia strada. Arrivare a Striscia la notizia è stato il naturale percorso. Dal piccolo schermo raggiungo più persone e faccio stare bene, combatto le ingiustizie e un po' ho i "super poteri" ma quando le persone mi incontrano per strada mi chiamano per nome e mi dicono grazie, per me questo è importante. Sono un loro amico".

"Ecco questo voglio trasmettere ai ragazzi che si sentono sfiduciati, devono credere e andare avanti, non avendo paura del percorso e di quello che possono incontrare lungo la strada".  

Ed infatti il claim di questa edizione è  #NonCiFermaNessuno e spiega Abete siamo alla scoperta della serendipità!

"Una parola sconosciuta ma che vuole dire che dalla casualità può nascere una vera svolta di vita. La mia esperienza ne è una chiara testimonianza – evidenzia Abete. Ed è proprio partendo dal mio racconto che puntiamo a diffondere non solo un vocabolo nuovo ma soprattutto il senso, la forza ed il valore di proattività che esso concentra"

 «Con i ragazzi dell’Università di Reggio Calabria c’è un rapporto speciale. Ci siamo visti in presenza prima della pandemia, ci siamo ritrovati a distanza di tre anni in una forma che ci ricorda quanto il mondo sia cambiato – afferma Luca Abete -. Ciò che resta immutato è il sogno che ciascuno culla e che, spero, anche attraverso questa campagna possa continuare ad essere la leva su cui costruire il proprio futuro, devono scoprire il loro coraggio e allontanare le paure".

Gli studenti reggini hanno partecipato con entusiasmo, interagendo e divertendosi. C’è chi, come Giambattista, sollecitato dal racconto dell’esperienza personale di Luca Abete, dice che le migliori motivazioni sono quelle nascono dalle emozioni: "dedichiamo più tempo a noi stessi e agli altri, mettiamo in pausa la frenesia per capire cosa ci accade intorno". Di fiducia e consapevolezza dei propri mezzi parla invece il giovane Fabio che conclude il suo intervento con quello che appare il più bello spot al tour di Abete: "Noncifermanessuno è uno stile di vita: non c’è una montagna tanto alta da scalare o un mare tanto profondo da attraversare che non consenta di raggiungere i propri obiettivi".

 Luca Abete è davvero soddisfatto di come è iniziato il tour e infatti speiga che ci sono anche opportunità per i ragazzi offerte dal Mi Campus di Xiaomi Italia, che sostiene percorsi di formazione per offrire agli studenti supporto e competenze tecnologiche; ma cìè anche la solidarietà. "Vogliamo donare 30mila pasti al Banco Alimentare grazie all’impegno del food donor Lidl Italia e alla call to action “Clicca un tasto dona un pasto” (attraverso la sezione dedicata del sito www.noncifermanessuno.org) e già, dopo due tappe del tour, il contatore ha già raggiunto già la quota di 3270 pasti donati; ed ecosostenibilità, grazie al progetto Rivending promosso da Confida, Corepla e Unionplast.

Nel corso della mattinata, è stato consegnato il premio #NonCiFermaNessuno ad Alessandro Confido, laureatosi a luglio in ingegneria e già impegnato negli Stati Uniti con un dottorato sulle intelligenze artificiali e, con la propria esperienza, rappresenta un esempio di coraggio e resilienza.

Le tappe del Tour #NonCiFermaNessuno Italia TALK 2022.

Dopo essere stato a Torino e Reggio Calabria, il tour prosegue il 5 aprile a Roma, 13 aprile Camerino, 21 aprile Milano, 27 aprile Firenze, 3 maggio Parma, 5 maggio Chieti-Pescara, 10 maggio Bari, 18 maggio Napoli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

#NonCiFermaNessuno, Abete: "Guardare all'insuccesso come occasione di crescita"

ReggioToday è in caricamento