rotate-mobile
Mercoledì, 25 Maggio 2022
Palazzo San Giorgio

Occupazioni suolo pubblico, ecco il vademecum del Comune per le associazioni di categoria

Il sindaco f.f. Brunetti e l’assessora Martino hanno incontrato a Palazzo San Giorgio i rappresentanti delle imprese per concertare la gestione della nuova fase

Prosegue il percorso condiviso che vede allo stesso tavolo l'amministrazione comunale di Reggio Calabria e le associazioni di categoria, con l'obiettivo di accompagnare al meglio la fase di ripartenza post Covid e dunque l’attuazione delle disposizioni dettate dalla normativa nazionale per gli esercizi di somministrazione. In questo contesto, nel corso dell’ultima riunione tenutasi a Palazzo San Giorgio e a cui hanno preso parte il sindaco f.f. Paolo Brunetti, l’assessora comunale alle Attività produttive, Angela Martino e i rappresentanti delle associazioni di categoria, è stato illustrato un “Vademecum”, appositamente predisposto dall’amministrazione comunale, in cui vengono indicate in modo schematico e puntuale le principali novità che riguardano le occupazioni di suolo pubblico a partire dal prossimo 1 aprile.

Da questa data, infatti, sarà necessario ricominciare a pagare il canone unico per l’occupazione del suolo pubblico poiché al 31 marzo 2022 termina il periodo di esenzione previsto con l’ultima Legge di Bilancio, quale misura a sostegno delle attività commerciali. Inoltre, sempre secondo quanto disposto dalla normativa nazionale, è confermata la proroga fino al 30 giugno 2022 delle semplificazioni delle procedure autorizzative per l’occupazione di suolo pubblico finalizzata all’installazione di dehors e simili. È allo studio del Comune, tuttavia, l’attuazione di misure agevolative riguardanti il pagamento del canone unico, che verranno definite nel dettaglio nei prossimi giorni. 

A partire dal prossimo 1 aprile, pertanto, si ritorna gradualmente alla normalità, è stato ribadito a più riprese nel corso della riunione. “E tale passaggio – spiegano il sindaco f.f. Brunetti e l’assessora Martino – deve necessariamente andare di pari passo ad una decisa azione finalizzata al ripristino del decoro e della legalità. Vogliamo che questo delicato processo sia condiviso e partecipato pienamente dalle rappresentanze del mondo imprenditoriale che ringraziamo per il fattivo contributo che stanno producendo in questo periodo così difficile che vede tante attività alle prese con innumerevoli problemi e con le ricadute pensatissime legate alla crisi pandemica”.

La stesura di questo vademecum, rimarcano i rappresentanti di Palazzo San Giorgio, “va esattamente in questa direzione, con lo scopo di adottare un metodo di lavoro congiunto che possa essere la base per le ulteriori iniziative che andremo a sviluppare insieme. Pensiamo, ad esempio, ai progetti riguardanti l’assetto urbano e la gestione degli spazi del centro cittadino durante il periodo estivo, su cui è in atto un confronto positivo e costruttivo tra l’amministrazione e le associazioni di categoria, con il preciso obiettivo di definire un pacchetto di misure condivise e ragionate. Ma pensiamo anche ai bandi legati alle risorse del React EU, pari a circa 3,8 milioni di euro, che entro fine mese presenteremo in Camera di Commercio e sui quali vogliamo sentire, preventivamente, il parere delle associazioni, nel quadro di un percorso che intendiamo compiere insieme guardando, unicamente, al bene della collettività e alla ripresa del tessuto economico e produttivo”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Occupazioni suolo pubblico, ecco il vademecum del Comune per le associazioni di categoria

ReggioToday è in caricamento