Mercoledì, 17 Luglio 2024
La richiesta

Vitello vivo in premio al torneo di briscola a Oliveto, la Lav insorge e scrive al sindaco

Centinaia le segnalazioni di sdegno per la scelta della parrocchia di mettere in palio un cucciolo di vitello, la lega anti vivisezione ha scritto anche al parroco ma senza risultato

Un vitello vivo è stato scelto come premio per il vincitore del torneo di briscola promosso per la festa della Madonna del Carmine, nella frazione di Oliveto a Reggio Calabria. Appresa la notizia, la Lav di Reggio Calabria si è immediatamente attivata scrivendo al sindaco e al parroco per "chiedere la sostituzione del vitello con un oggetto".

"Ci siamo fatti portavoce delle centinaia di segnalazioni di sdegno - affermano i volontari della Lega antivivisezione in una nota - che ci sono pervenute e della crescente sensibilità della comunità rispetto agli animali che, ricordiamolo, stanno ottenendo sempre maggiore tutela legislativa fino a trovare specifica previsione anche nella Costituzione.

Con grande rammarico - continua la Lav Reggio Calabria - abbiamo constatato come le interlocuzioni col parroco non abbiano sortito il risultato sperato. Anche quest’anno, un essere senziente innocente sarà un premio, un mero oggetto, di una festa che sarebbe stata tale anche se in palio ci fosse stato un orologio o un quadro.

Tanti Comuni italiani hanno ormai adottato nei propri regolamenti appositi divieti all’utilizzo degli animali quali premi in sagre, feste popolari e similari. Con dispiacere registriamo che l’amministrazione comunale reggina non ha ancora vietato tali eventi che configurano sfruttamento e/o maltrattamento di animali, puniti dalla Legge e disapprovati dalla maggioranza della comunità".

"Stiamo vivendo uno dei periodi più bui e di decadenza dell’umanità (era dell’antropocene), in cui progresso e ricerca scientifica, sviluppo della tecnica e tradizioni sono a disposizione dell’ego umano.Se da un lato l’uomo ha sempre più sete di consapevolezza, bisogno di interconnessioni, di educarsi ad una visione olistica di armonia e pace con tutti gli esseri viventi, dall’altro incontra resistenze interne che lo tengono ben ancorato a soddisfare i propri bisogni più bassi e nefandi.

E la domanda sempre più ricorrente che ci poniamo ogni giorno ha radici dantesche ma è piu che mai attuale: siamo sicuri che “fatti non foste per vivere come bruti ma per seguir virtute e canoscenza?"

L'annuncio di una petizione 

Conclude la Lav: "Ci faremo promotori di una petizione popolare per modificare il regolamento comunale affinché anche Reggio Calabria si adegui al cambiamento sempre più imminente e necessario. Siamo stanchi di assistere ancora oggi ad atti diseducativi come questo. Ci chiediamo tra le altre cose come faccia il parrocco di una comunità nel 2024, portatore di valori di fratellanza e rispetto tra tutti gli esseri viventi, a permettere ancora tali atti anacronistici, irrispettosi, diseducativi per gli animali e per l’uomo. E non siamo noi a dirlo ma lo affermano più di 600 psicologi di fama  internazionale.

La vita di un essere senziente è un dono, non e’ un lusso né una merce di scambio né tantomeno il premio di un torneo di briscola. Vigileremo a questa “festa” e abbiamo già chiesto all’Asp veterinaria tutti i controlli del caso".

La locandina dell'evento

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vitello vivo in premio al torneo di briscola a Oliveto, la Lav insorge e scrive al sindaco
ReggioToday è in caricamento