Omicidio boss Canale, in Appello il pg chiede la conferma di sette ergastoli

Il pg Santo Melidona ha chiesto la conferma della sentenza di primo grado per mandanti ed esecutori dell'omicidio di Giuseppe Canale, ucciso a Gallico il 12 agosto del 2011

La procura generale di Reggio Calabria ha chiesto la conferma della sentenza di primo grado per mandanti ed esecutori dell'omicidio di Giuseppe Canale, ucciso il 12 agosto del 2011. La morte di Canale, ritenuto il boss emergente di Gallico, sarebbe stata decisa per vendicare l'uccisione del boss Mimmo Chirico, ammazzato nel settembre dell'anno prima.

Il pg Santo Melidona, dunque, ha chiesto la condanna all'ergastolo per 7 persone, vale a dire Antonino Crupi (genero di Chirico), Sergio Iannò, Filippo Giordano (quali mandanti), Domenico Marcianò, Giuseppe Germanò, Salvatore Callea e Cristian Lorelli.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La conferma della condanna, inoltre, è stata chiesta anche per Nicola Figliuzzi e Diego Zappia, i due killer di Canale poi divenuti collaboratori di giustizia e condannati in primo grado rispettivamente a 17 anni e 4 mesi e 15 anni e 4 mesi. In primo grado i giudici avevano accolto tutte le richieste di condanna avanzate dal procuratore aggiunto Giuseppe Lombardo e dal pm Sara Amerio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm contro il Covid: stop anticipato a ristoranti e bar, no al divieto di circolazione

  • Nuove misure contro il Coronavirus, verso un nuovo Dpcm entro domenica 25 ottobre

  • La Calabria verso il coprifuoco e la chiusura delle scuole: in arrivo nuova ordinanza regionale

  • Falcomatà battezza la sua nuova giunta: "Capaci di vincere le partite più difficili"

  • La droga in Sicilia arrivava via mare, due arresti sulle acque dello Stretto

  • "Batteri coliformi nell'acqua", scatta il divieto per uso alimentare in alcune zone della città

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ReggioToday è in caricamento