Cronaca

Pistole, munizioni e oltre tre chili di droga nascoste sotto la sabbia: rosarnese finisce nei guai

Operazione "Dirty Dig" della finanza. L'uomo, C.R., 57enne, è stato tradotto nel carcere di Arghillà. Sequestrata la droga e anche tre merli e un falco-gheppio, detenuti illegalmente

La droga sequestrata

Duemila grammi di marijuana e 1.200 di hashish, 4 pistole semiautomatiche e oltre 140 proiettili sono state scovate sotto un cumulo di sabbia, dai finanzieri della Compagnia territoriale di Reggio Calabria. A finire in manette, nell'operazione "Dirty Dig" delle fiamme gialle, C.R., 57enne, di Rosarno.

I fatti

Alcune pattuglie della Finanza, durante attività di appostamento e osservazione sul versante tirrenico della provincia reggina, hanno individuato un uomo, sospettato di detenzione abusiva di armi e di produzione e detenzione di sostanze stupefacenti ai fini dello spaccio.

I militari hanno eseguito una serie di controlli e una perquisizione alle pertinenze di un esercizio commerciale, gestito dal figlio, adibito alla produzione e alla commercializzazione di canapa industriale. Controllata anche l'abitazione dell'uomo poi arrestato. 

Droga e armi nascoste sotto la sabbia

Le perquisizioni hanno portato al rinvenimento e al sequestro di un ingente quantitativo di materiale illegale. Sotto un cumulo di sabbia, in uno dei terreni adiacenti alla sede dell'esercizio commerciale, i finanzieri hanno scoperto droga e armi. Il materiale, che è stato sequestrato, rappresenterebbe per gli investigatori un vero e proprio "market dell’illecito".

Il 57enne, dopo l'arresto, è stato tradotto nel carcere di Reggio Calabria "Arghillà", così come disposto dal pubblico
ministero di turno della Procura della Repubblica, presso il Tribunale di Palmi e il fermo è stato convalidato dal gip che ha accolto la proposta di applicazione nei suoi confronti della custodia cautelare in carcere, considerato il "livello di pericolosità sociale" che è scaturito dal sequestro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La fauna protetta detenuta illegalmente

Durante le operazioni di perquisizione inoltre è stato accertato che l’indagato detenesse illegalmente, tre merli e un falco-gheppio (esemplari di fauna appartenenti a specie protette):  rinchiusi in inidonee gabbie, e in una voliera, privi dell’anello metallico inamovibile, che attesta la lecita provenienza degli animali. 

I volatili sono stati sequestrati e  affidati, per le relative cure necessarie e per l’eventuale successiva liberazione o riabilitazione, a personale specializzato dell’Associazione Mediterranea per la Natura – Centro di recupero della fauna selvatica "Stretto di Messina" e dell’Associazione Anti-Bracconaggio "Cabs" che ha offerto la sua collaborazione.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pistole, munizioni e oltre tre chili di droga nascoste sotto la sabbia: rosarnese finisce nei guai

ReggioToday è in caricamento