rotate-mobile
Lunedì, 20 Maggio 2024
La cattura

Flussi di droga, finisce in Spagna la latitanza di Gutuman: tradito da una telefonata della mamma

L'uomo era sfuggito all'operazione "Perseverant" condotta dal comando provinciale dei carabinieri di Reggio Calabria. Il giovane ricercato e la sua famiglia sono stati fermati a Pamplona

E' finita in Spagna la latitanza di Sebastian Ionut Gutuman. Il 23enne aveva trovato rifugio a Pamplona, la città famosa per la corsa dei tori, sfuggendo così, il 29 febbraio scorso, all’operazione "Perseverant", la retata condotta dai carabinieri del comando provinciale di Reggio Calabria, agli ordini del generale Cesario Totaro, che, coordinati dal procuratore Emanuele Crescenti e dal sostituto procuratore Davide Lucisano della procura di Palmi, hanno fatto luce sui flussi di droga fra i giovani della Piana di Gioia Tauro.

Le indagini

A dare avvio alle indagini dei militari, in quella occasione, era stata la denuncia sporta dal padre di una giovane assuntrice di sostanze stupefacenti che, vista la brutta china che stava prendendo la figlia, aveva deciso di deporre l’orgoglio di genitore e confidare la dipendenza della ragazza ai carabinieri delle stazioni di Taurianova e di San Martino di Taurianova.

I successivi approfondimenti, avviati nel marzo del 2020 e conclusi anni dopo, accertavano i timori dell’uomo, riscontrando l’esistenza di un florido mercato della droga leggera e pesante, con base a Taurianova e ramificazioni a Rosarno, Platì e Gerocarne, dove avevano base i fornitori del narcotico.

Sottrattosi fortuitamente all’arresto e convinto di essere ormai fuori dal raggio di azione dei militari dell’Arma, il giovane ricercato e la sua famiglia conducevano a Pamplona una vita normale, in totale anonimato. Non immaginavano, distanti migliaia di chilometri dalla Calabria, di avere comunque il fiato dei carabinieri sul collo.

I telefoni "citofoni"

Già prima delle catture, infatti, gli investigatori erano riusciti a bucare il circuito di telefoni "citofoni" utilizzato da Gutuman e dai suoi correi e ne monitoravano la quotidianità. "Non è così sfuggito loro - fanno sapere dal comando provinciale dell'Arma - quando la madre dell’arrestato, parlando con un parente, ha rivelato di aver lasciato l’Italia e di essere in Spagna".

La collaborazione con la Guardia Civil e il mandato di arresto europeo

Immediata l’attivazione del Servizio di cooperazione internazionale del ministero dell’Interno, che, presi contatti con la controparte spagnola, ha permesso lo scambio di informazioni fra carabinieri e i gendarmi della Guardia Civil. Ed è così che, in forza del mandato di arresto europeo, emesso dal Tribunale di Palmi, per il ricercato 23enne sono scattate le manette. Ritornato ora in Italia, attende il processo sottoposto a misura cautelare.

"Con Gutuman, - spiega ancora l'Arma - i carabinieri hanno assicurato alla giustizia tutti gli indagati dell’operazione "Perseverant" colpiti da provvedimento restrittivo del gip di Palmi.

Il procedimento è attualmente pendente in fase di indagini e l’effettiva responsabilità della persona destinataria della misura cautelare, in uno con la fondatezza delle ipotesi d’accusa mosse a suo carico, saranno vagliate nel corso del successivo processo. Non si escludono ulteriori sviluppi investigativi e probatori, anche in favore
della persona sottoposta a indagini".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Flussi di droga, finisce in Spagna la latitanza di Gutuman: tradito da una telefonata della mamma

ReggioToday è in caricamento