Domenica, 17 Ottobre 2021
Cronaca Oppido Mamertina

Escono dal carcere per l'emergenza Covid, vi rientrano con l'accusa di lesioni aggravate

I Carabinieri di Oppido Mamertina hanno arrestato Antonio Francesco Paiano, detto "Lampazza", il figlio Rocco e i due fratelli Bruno e  Domenico Cirillo

Scarcerati per l'emergenza Coronavirus, aggrediscono violentemente un compaesano e finiscono nei guai. Con l'accusa di lesioni aggravate, i carabinieri della stazione di Oppido Mamertina hanno arrestato Antonio Francesco Paiano, 45 anni, detto "Lampazza", il figlio Rocco 18 anni e i due fratelli Bruno Cirillo, 40 anni, e  Domenico, 38 anni, in esecuzione dell’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip presso il Tribunale di Palmi, su richiesta della locale Procura della Repubblica diretta dal procuratore Ottavio Sferlazza.

I fatti

I quattro, tra i quali Antonio Francesco Paiano e Bruno Cirillo, già noti alle forze dell’ordine, hanno eseguito, lo scorso 5 agosto 2020, una violentissima aggressione sulla pubblica via, scatenata da dissidi privati, nei confronti di una persona del posto, causandogli lesioni gravi, tali da richiedere il soccorso del 118.

"Subito dopo, - spiegano dal comando provinciale - gli stessi hanno bloccato la strada con i propri mezzi, dimostrando di aver pianificato con precisione e strategia criminale, le varie fasi dell’aggressione".

A rendere ancora più grave la vicenda, il fatto che Antonio Francesco Paiano e Bruno Cirillo, già detenuti presso la casa circondariale di Palmi, proprio in quei giorni erano stati temporaneamente ammessi al beneficio degli arresti domiciliari, in virtù del provvedimento di prevenzione del contagio dal Covid nelle carceri".

Questi ultimi, infatti, rimarranno nella casa circondariale di Palmi ove erano già ristretti per altra causa, mentre per Rocco Paiano e Domenico Cirillo sono stati disposti gli arresti domiciliari.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Escono dal carcere per l'emergenza Covid, vi rientrano con l'accusa di lesioni aggravate

ReggioToday è in caricamento