Lunedì, 15 Luglio 2024
L'ordinanza

Caldo in Calabria, Occhiuto vieta il lavoro all'aperto

L'ordinanza del presidente della Regione Calabria che riguarda i settori agricolo, edile ed affini con efficacia immediata e sino al 31 agosto 2024

Vietato il lavoro all’aperto nelle ore più calde della giornata, dalle 12 e 30 alle 16 per settore agricolo e florovivaistico, nonché nei cantieri edili e affini limitatamente ai soli giorni in cui la mappa del rischio indicata sul sito www.worklimate.it

È quanto previsto da un’ordinanza del presidente della Regione, Roberto Occhiuto, in materia di igiene e sanità pubblica.
Le motivazioni della stessa riguardano l’innalzamento delle temperature, tipico della stagione, che rende rischioso lo svolgimento dell’attività lavorativa, soprattutto nei settori per i quali il lavoro viene svolto prevalentemente in ambiente esterno.

“L’elevata temperatura dell’aria, l’umidità e la prolungata esposizione al sole – si legge nell’ordinanza - rappresentano un pericolo per la salute dei lavoratori esposti per lunghi periodi di tempo alle radiazioni solari, a rischio, quindi, di stress termico e colpi di calore con esiti anche letali”.

Nel documento si sottolinea “l’urgenza di provvedere, nelle more di un accordo tra il partenariato datoriale e sindacale, di cui la regione si farà promotrice, che possa meglio tutelare, in via ordinaria, la salute dei soggetti che operano nelle condizioni climatiche descritte”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caldo in Calabria, Occhiuto vieta il lavoro all'aperto
ReggioToday è in caricamento