Osservatorio regionale contro la violenza di genere: iniziativa nella Locride

L'evento verrà presentato martedì 1 ottobre, alle ore 10, all'Istituto G. Marconi di Siderno. Nel corso dell'incontro sarà presentato il programma Liana della Questura

Il contrasto alla violenza di genere. Realtà e prospettive nella Locride. E’ il tema dell’iniziativa promossa dall’Osservatorio regionale sulla violenza di genere e dall’istituto ‘G. Marconi’ di Siderno, d’intesa con l’Ufficio scolastico territoriale, con la questura ed il Comando provinciale  dei carabinieri, che si terrà martedì 1 ottobre, alle ore 10, nell’aula magna della scuola, nel corso della quale saranno presentati il programma Liana della Questura, azione di prevenzione e contrasto alla violenza di genere, e il progetto dell’Osservatorio e dell’Ufficio scolastico provinciale per le scuole  "Adotta la storia di una vittima di femminicidio".

"Sarà soprattutto un momento di confronto con gli studenti – afferma Mario Nasone - con le realtà istituzionali ed associative che operano nel
territorio". Per il coordinatore dell’Osservatorio, "è venuto il momento di attivare nella Locride una rete di attori - istituzionale e sociale - in grado di intercettare quella domanda sommersa di aiuto di donne che ancora subiscono in solitudine il problema della violenza e, soprattutto, di avviare programmi di prevenzione partendo dal mondo della scuola, dove le nuove generazioni devono essere educate ai valori del rispetto degli altri".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Mario Nasone esprime "apprezzamento per il lavoro che sta svolgendo il questore Maurizio Vallone, che ha portato moltissime donne in pochi mesi a rivolgersi con fiducia alle forze dell’ordine, a denunciare e ad avere risposte dalla rete sociale di ascolto contro la violenza di genere. Un lavoro che ora si deve estendere maggiormente nella Ionica e nella Tirrenica sprovviste di centri antiviolenza autorizzati dalla Regione, servizi qualificati   indispensabili per dare risposte immediate alle donne che vivono questa condizione di grave sofferenza e che hanno bisogno di supporto e di accompagnamento per trovare il coraggio di reagire alla violenza subita".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gallo e la M&G Holding, le Iene "indagano" sulla società del presidente amaranto

  • Nuovo Dpcm contro il Covid: stop anticipato a ristoranti e bar, no al divieto di circolazione

  • "Batteri coliformi nell'acqua", scatta il divieto per uso alimentare in alcune zone della città

  • Falcomatà battezza la sua nuova giunta: "Capaci di vincere le partite più difficili"

  • La droga in Sicilia arrivava via mare, due arresti sulle acque dello Stretto

  • Emergenza Covid, Falcomatà si appella ai reggini: "Il virus è in città, siate rigorosi"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ReggioToday è in caricamento