Controlli anti Covid, i carabinieri arrestano 42enne per spaccio e chiudono due locali

Durante le attività gli uomini del comando provinciale hanno controllato oltre 380 persone e 300 veicoli, denunciato tre persone per diverse ipotesi di reato e sanzionato amministrativamente altre 12 per comportamenti scorretti

In questo particolare periodo di emergenza sanitaria, i carabinieri hanno intensificato i controlli nel rispetto della normativa di contrasto alla diffusione del virus Covid-19, non venendo meno alla costante azione di contrasto della criminalità.

Durante le attività, gli uomini dell'Arma hanno arrestato a Palmi, M.F, 42enne del posto. Dopo una perquisizione all'interno dell'abitazione sono stati rinvenuti circa 100 grammi di marijuana e 30 di cocaina e sequestrati 1.200 euro, ritenuti, secondo i carabinieri "provento dell’attività di spaccio, un bilancino di precisione, abitualmente utilizzato dagli spacciatori per suddividere in dosi la droga".

A Sant’Eufemia d’Aspromonte e Sinopoli, invece, i militari hanno chiuso due locali pubblici, all’interno dei quali, in palese violazione della vigente normativa, hanno trovato avventori intenti nella consumazione di bevande. Adottate le opportune cautele per evitare possibili contagi, i carabinieri hanno intimato la chiusura delle due attività per 5 giorni, e sanzionato amministrativamente i titolari e gli avventori.

Complessivamente, durante il fine settimana appena trascorso, gli uomini del comando provinciale hanno controllato oltre 380 persone e 300 veicoli, denunciato tre persone per diverse ipotesi di reato e sanzionato amministrativamente altre 12 per l’adozione di comportamenti scorretti sempre per violazione della vigente normativa anti Covid: dal mancato uso della mascherina in luogo pubblico, all’assenza di comprovate situazioni di necessità per lo spostamento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Aperitivo con oltre 20 persone in un negozio etnico: cinque multe e attività chiusa

  • "Vado a posare il fucile e poi torno", gli attimi seguenti all'omicidio nel racconto del figlio delle vittime

  • Per i Carabinieri ad uccidere i coniugi di Calanna sarebbe stato Francesco Barillà

  • Consumavano in un locale oltre l'orario di apertura: fioccano multe e chiusa l'attività

  • Duplice omicidio di Calanna, arrestato il responsabile della morte dei coniugi Cotroneo

  • La battaglia del primario Amodeo per una sanità pulita: "Non mi imbavaglieranno"

Torna su
ReggioToday è in caricamento