rotate-mobile
Lotta alla vendita abusiva di prodotti ittici

Maxi blitz al mercato ittico e alla Tonnara: sequestrati oltre 15 chili di pesce avariato

Controlli dei carabinieri a Palmi: pesce venduto in pessime condizioni igieniche. Elevati verbali per 6000 euro a carico dei venditori ambulanti

Sequestrati oltre 15 chili di pesce avariato ed elevati circa 6000 euro di verbali a venditori ambulanti. E' questo il bilancio dei controlli effettuati al mercato rionale di Palmi, nelle pescherie e in diverse bancarelle abusive presenti alla Tonnara. In questa località, in particolare, sono stati rinvenuti, chiusi in sacchetti di plastica al cui interno proliferavano insetti di vario genere, diversi chili di pesce, in condizioni igienico sanitarie pessime, pronti per la vendita.

Le verifiche, messe in campo per il contrasto della vendita abusiva di prodotti ittici, sono state eseguite dai carabinieri della compagnia di Palmi, in collaborazione con la Guardia costiera di Gioia Tauro, i veterinari dell’Asp di Reggio Calabria e il comando della polizia locale.

"Quasi sempre - spiegano i carabinieri - a fare le spese dello smercio abusivo del pescato, con notevoli conseguenze sulla salute, risultano gli anziani. Proprio loro sono le vittime più vulnerabili. Ignari del pericolo derivante dall’assunzione di tali alimenti, infatti, li acquistano dai cosiddetti venditori "di fiducia". Conoscenti di vecchia data o amici presunti tali che, privi di scrupoli, smistano gli scarti del pescato non vendibili, con le modalità di smercio standardizzate: banchini mobili siti nei pressi delle abitazioni facili da smontare e nascondere in caso di controlli delle autorità competenti". 

Il maxi intervento interforze è stato giustificato dalle continue segnalazioni della cittadinanza, sempre più stanca degli odori nauseabondi provenienti da queste attività che con l’avvicinarsi dell’estate e l’aumento delle temperature rischiano di compromettere la salute pubblica. Numerose prescrizioni, inoltre, concludono dal comando provinciale "sono state irrogate nei confronti di alcune pescherie che, incuranti delle normative sanitarie in materia, esponevano e lavoravano il pescato, riversando materiale organico sulla pubblica via e attirando animali di vario genere".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maxi blitz al mercato ittico e alla Tonnara: sequestrati oltre 15 chili di pesce avariato

ReggioToday è in caricamento