Palmi, minaccia di morte l'ex compagna e le ruba il portafogli: arrestato 40enne

L'uomo è finito in manette e agli arresti domiciliari dopo la denuncia presentata dalla donna nella stazione carabinieri di Palmi. Nell'auto di Lombardo è stato trovato un coltello

I carabinieri della Compagnia di Palmi hanno arrestato Emilio Lombardo, di 40 anni, per i reati di atti persecutori, rapina, lesioni e possesso di oggetti atti ad offendere in danno della ex compagna palmese.

Ieri mattina la donna si è presentata presso la stazione carabinieri di Palmi per denunciare l'uomo. Poco prima, mentre si trovava presso il parcheggio del centro commerciale “Porto degli ulivi” di Rizziconi, il suo ex compagno l’aveva aggredita e minacciata pretendendo di riprendere la relazione sentimentale interrottasi circa due mesi fa. Al netto rifiuto ricevuto dalla donna, l’uomo dopo averla minacciata di morte, facendole capire di esser armato di un coltello, e dopo averle sottratto il portafogli, contenente contanti e carte di credito, la lasciava di fatto senza alcun mezzo economico.

La condotta persecutoria, che si protrae dal maggio scorso, non si è interrotta neanche durante la permanenza della vittima negli uffici dei Carabinieri, dove la donna è stata nuovamente contattata telefonicamente dall'ex che continuando a minacciarla per farla tornare con sé, le ha chiesto di potersi incontrare.

In conseguenza della pericolosità dei comportamenti tenuti da Lombardo, sono state immediatamente diramate le ricerche dell’uomo, che è stato rintracciato da una pattuglia della sezione radiomobile a Sant’Elia di Palmi a bordo della propria autovettura, all’interno i militari oltre alla refurtiva hanno rinvenuto anche un coltello.

L’arrestato, dopo le formalità di rito, è stato associato in regime degli arresti domiciliari presso propria abitazione a disposizione dell’autorità giudiziaria palmese.

L’ennesimo caso di violenza di genere dimostra come purtroppo il fenomeno sia diffuso anche nel reggino, territorio dove tuttavia il numero dei reati denunciati dalle vittime rimane basso. L’invito è invece quello di denunciare immediatamente le violenze fisiche e psicologiche subite, al fine di scongiurare tragici epiloghi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giocatore gentiluomo cede il suo Gratta e Vinci a una donna: lei centra il jolly e vince 10mila euro

  • Reggio si prepara ad abbracciare il suo eroe: sabato in Cattedrale l'ultimo saluto a Nino

  • "Non esporre i mastelli": Avr avvisa di blocchi nella raccolta dei rifiuti organici ed indifferenziati

  • Grande commozione sulla pista dell'aeroporto dello Stretto: Nino è tornato a casa

  • Finti incidenti per ottenere rimborsi: arrestati medico e paramedico, indagati 2 vigili urbani

  • Elezioni comunali, Geppo Femia è il nuovo sindaco di Marina di Gioiosa Ionica

Torna su
ReggioToday è in caricamento