rotate-mobile
Mercoledì, 10 Agosto 2022
Cronaca

Patrimonio ambientale, Mancuso: "Tolleranza zero per chi lo mette a rischio"

L'intervento del presidente del Consiglio regionale della Calabria

"Verso chi mette a rischio l’ambiente e la trasparenza del nostro mare, una delle fondamentali risorse naturali su cui la Calabria conta per promuovere sviluppo sostenibile, non si può che opporre una sola parola d’ordine: tolleranza è zero. Sia in termini preventivi che repressivi. La Calabria che guarda con fiducia al futuro, non può che affrancarsi, individuandoli e sanzionandoli, da comportamenti e metodi che antepongono interessi particolari e illeciti al bene comune".

Lo dice il presidente del Consiglio regionale Filippo Mancuso, che aggiunge: "Vista l’importanza della posta gioco, e dopo decenni di distrazioni e sciatteria, il messaggio, sul presupposto che tutti, nessuno escluso, siamo chiamati a fare la nostra parte, non può che essere inequivocabilmente rigoroso. In tal senso, è apprezzabile sia la complessa strategia contro l’inquinamento ambientale messa in atto nei mesi scorsi dai carabinieri della Calabria, che l’azione, forte e determinata, sulle problematiche annose della depurazione, innescata dalla Regione e dagli altri livelli
istituzionali, capitaneria di porto, Guardia di finanza, Procure della Repubblica, prefetti".

Per il presidente dell’Assemblea legislativa regionale: "Si parte dall’amara constatazione che i rischi per il nostro mare derivano dai depuratori inefficienti, dai molti scarichi abusivi, dai torrenti fuori controllo e da altre cause, note quanto mai risolutamente fronteggiare, che debbono vedere anche i Comuni, avamposti indispensabili di ogni progettualità di rinnovamento, e ogni rappresentanza della società civile, in prima linea contro i fenomeni d’inquinamento e contro tutti coloro che continuano a smaltire illecitamente, fregandosene dei danni enormi che provocano al nostro patrimonio ambientale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Patrimonio ambientale, Mancuso: "Tolleranza zero per chi lo mette a rischio"

ReggioToday è in caricamento