rotate-mobile
Domenica, 25 Febbraio 2024
L'iniziativa

Villa Genoese Zerbi, inizia a prendere forma l'allestimento del progetto di Pennestrì

Ultimi lavori per lo spazio che il titolare di Sottozero gestirà nell'area esterna della storica residenza nobiliare. E sarà solo l'inizio

L'intenzione è di aprire prima di Natale e negli spazi esterni di Villa Genoese Zerbi sono in corso i lavori di allestimento della nuova attività che Enzo Pennestrì di Sottozero avvierà riaprendo al pubblico lo storico palazzo del lungomare. 

"Non abbiamo ancora una data fissata - dice l'imprenditore - ma contiamo di partire a brevissimo nel mese di dicembre. Inizieremo con quello che sappiamo fare e facciamo da anni, pasticceria, gelateria e aperitivi. E' un progetto a cui lavoro da circa un anno - aggiunge - reso possibile grazie alla disponibilità della famiglia Pulitanò, che ha aderito a questa proposta venendo incontro a un'esigenza che io avevo per la mia attività, ma sono certo diventerà una cosa bellissima anche per la città. Sto portando avanti tutto questo curandolo come un sogno da realizzare, un regalo per Reggio".

Ma, come Pennestrì aveva detto nel video social con cui ha annunciato la novità, questo sarà soltanto l'inizio. "La mia famiglia - spiega - ha creduto in questa idea e mi ha sempre sostenuto nonostante abbia richiesto un investimento importante alla mia società. Abbiamo fatto molti interventi significativi, anche sull'impiantistica, e dopo questa partenza nella zona esterna, ci saranno altri step che riguarderanno iniziative anche all'interno". 

Un work in progress su cui al momento il titolare di Sottozero non dà altre informazioni, forse premature, ma lascia intendere che ci sono in ballo progetti diversi per valorizzare la splendida location della villa nobiliare. Gli chiediamo se si tratterà di attività legate alla sola ristorazione, e l'imprenditore non conferma né smentisce. Aspettiamo per ora il giorno dell'inaugurazione, quando sarà riportata vitalità in un palazzo che Reggio sente fortemente identitario.

Proprio per questo motivo, dopo l'anteprima social di Enzo Pennestrì in città si è acceso un dibattito con posizioni contrastanti. Molti hanno elogiato questa iniziativa privata che consentirà di fruire della bellezza di Villa Genoese Zerbi a reggini e visitatori, ma si sono registrati anche commenti critici da parte di chi ritiene che un bene di tipo architettonico come questo storico palazzo dovrebbe essere recuperato solo con attività legate alla sfera artistica e culturale. E non sono mancate polemiche, in qualche caso ingenerose verso l'idea dell'artigiano gelatiere. 

Pennestrì preferisce non dichiarare nulla su questo argomento e restare fuori da ogni tipo di diatriba senza alimentare ulteriori scontri ideologici (anche se si capisce che alcune affermazioni amplificate nella grancassa dei social gli sono ovviamente dispiaciute). Adesso è il momento di concentrarsi sul lavoro e iniziare, consegnando alla città e gli avventori l'opinione sulla riapertura di Villa Genoese Zerbi, attesa comunque da tutti con curiosità e interesse.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Villa Genoese Zerbi, inizia a prendere forma l'allestimento del progetto di Pennestrì

ReggioToday è in caricamento