rotate-mobile
Martedì, 7 Febbraio 2023
Lotta alla criminalità / Gioia Tauro

Controlli dei carabinieri sul territorio: un arresto e 5 denunce

Il servizio, disposto dal Comando provinciale dei carabinieri di Reggio Calabria, ha interessato la Piana di Gioia Tauro

Un arresto e cinque denunce, armi, munizioni e capi di abbigliamento contraffatti rinvenuti. Questo il bilancio di un servizio di controllo del territorio effettuato nei giorni scorsi dalla compagnia carabinieri di Gioia Tauro.

I militari hanno arrestato una persona in esecuzione di un provvedimento dell’autorità giudiziaria di Palmi, la quale dovrà scontare la pena di un anno e sei mesi per reati inerenti gli stupefacenti. Inoltre, durante un controllo alla circolazione stradale, i carabinieri della sezione radiomobile hanno denunciato due uomini in due distinte occasioni. Il primo è stato sorpreso in possesso di una mannaia artigianale, di un’accetta e quindici coltelli posti all’interno del bagagliaio dell’auto e per i quali non ha saputo fornire valide giustificazioni relative al possesso, mentre il secondo è stato sorpreso alla guida con tasso alcolemico non in linea con quello consentito dalla legge.

Ancora, i carabinieri della stazione di Melicucco hanno denunciato alla locale procura della Repubblica uno straniero, di origini magrebine, trovato in possesso di alcune decine di capi di abbigliamento contraffatti: le scarpe ed i vestiti sono stati sequestrati.

Invece, gli uomini dell'Arma della stazione di Feroleto della Chiesa, nel corso di un servizio specifico per il controllo ai regolari detentori di armi, hanno sorpreso un pensionato detenere munizioni e polvere da sparo non denunciate. Le cartucce, calibro 22 e calibro 12 sono state sequestrate.

In questo caso, anche le armi legalmente detenute sono state ritirate cautelativamente, in attesa di eventuali provvedimenti amministrativi della Prefettura. Infine, i militari della stazione di San Ferdinando hanno denunciato per truffa online un uomo residente a Napoli, avendo posto in vendita merce che, dopo essere stata pagata, non è stata
recapitata ad un cittadino di San Ferdinando.

"In tutti i casi, - spiega il Comando provinciale dei carabinieri - i procedimenti sono attualmente pendenti in fase di indagini e l’effettiva responsabilità degli indagati, in uno con la fondatezza delle ipotesi d’accusa mosse a loro carico, saranno vagliate nel corso del successivo processo".

Il servizio messo in campo, rientra nel quadro di una più ampia attività di intensificazione di controlli del territorio nella piana di Gioia Tauro disposti dal Comando provinciale dei carabinieri di Reggio Calabria,"per garantire una incisiva attività di prevenzione e repressione delle condotte che minacciano la serena convivenza dei cittadini".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Controlli dei carabinieri sul territorio: un arresto e 5 denunce

ReggioToday è in caricamento