Furti seriali d'auto nella Piana, individuata una banda di ladri siciliani: tre arresti

I carabinieri del comando provinciale, insieme ai colleghi di Augusta, hanno notificato un'ordinanza di custodia a Nunzio Russo, ricercati Alessandro e Antonino Amenta, padre e figlio trasferiti all'estero da qualche tempo

Controlli dell'Arma dei carabinieri

Nella giornata di ieri i carabinieri della Compagnia di Taurianova, con il supporto dei colleghi della Compagnia di Augusta, hanno dato esecuzione ad una ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Tribunale di Palmi su richiesta della locale Procura nei confronti di: Nunzio Russo, 40enne di Carlentini (Siracusa); Alessandro Amenta, 49enne di Sortino (Siracusa) e Antonino Amenta, 26enne di Sortino (Siracusa).

Tutti e tre i giovani arrestasti era già conosciuti alle forze dell’ordine per reati contro il patrimonio e ritenuti responsabili dei reati di furto aggravato e continuato e utilizzo indebito di carte di credito.

Il provvedimento cautelare è stato emesso all’esito di attività investigativa condotta dalle stazioni carabinieri di Taurianova e di Cittanova, che ha consentito di acclarare come i tre pregiudicati, nel novembre 2019, erano venuti in trasferta criminale nella Piana di Gioia Tauro per compiere una serie di furti in danno di autovetture.

"Gli stessi - spiegano dal comando provinciale - dopo aver noleggiato varie automobili per muoversi nel territorio, ricercavano e individuavano autovetture parcheggiate o comunque temporaneamente incustodite e, approfittando dell’assenza o distrazione dei proprietari, aprivano il mezzo, anche infrangendo il finestrino, per asportare all’interno tutto ciò che trovavano di valore, sia denaro contante che carte di credito e bancomat.

Negli episodi ricostruiti, i malfattori si sono impossessati di circa 2.000 euro in contanti - parte dei quali trovati all’interno di un mezzo utilizzato per le vendite alimentari – e utilizzando le carte di pagamento rinvenute sono riusciti a prelevare 500 euro in contanti da sportelli bancomat. Non soddisfatti, con estrema rapidità, hanno utilizzato le carte di pagamento anche per acquistare vari generi alimentari, nonché alcuni smartphone e apparecchi elettronici in un locale esercizio commerciale, riuscendo a spendere, complessivamente, ulteriori 3.000 euro, prima che le vittime riuscissero a bloccarle".

Nonostante la professionalità e rapidità dell’azione, i minuziosi accertamenti investigativi svolti dai carabinieri della Compagnia di Taurianova, attraverso la raccolta di testimonianze, una attenta analisi dei sistemi di videosorveglianza e degli spostamenti delle autovetture noleggiate tramite tracciatura Gps, hanno consentito di ricostruire un grave quadro indiziario a carico dei malfattori, permettendo alla Procura di Palmi di richiedere e ottenere la massima misura cautelare custodiale.

Nunzio Russo è stato quindi condotto alla casa circondariale di Noto, mentre i due Amenta, padre e figlio, risultano già emigrati all’estero negli scorsi mesi e saranno attivamente ricercati.

Efficace continua ad essere l’azione preventiva e repressiva dei carabinieri reggini nei confronti dei reati predatori nel territorio e tale significativo arresto segue altre recenti importanti operazioni, in ultimo l’arresto del 24enne Domenico Nasso a Taurianova, che si era reso responsabile di seriali furti all’interno di esercizi commerciali ed edifici pubblici.   

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Tar Calabria boccia la scelta di Spirlì, per i giudici amministrativi si può tornare in classe

  • Coronavirus, la Calabria resta in zona rossa: nuova ordinanza del ministro Speranza

  • Birre al bergamotto e all’estratto di olive conquistano il palato e fanno bene alla salute

  • Le menti del "Farmabusiness" avevano puntato anche la Città dello Stretto

  • Pioggia e vento su Reggio Calabria, allerta meteo arancione: il Comune attiva il Coc

  • Uomo si barrica in casa, i Carabinieri lo stanano e lo portano in ospedale

Torna su
ReggioToday è in caricamento