rotate-mobile
Il cronoprogramma

Piazza De Nava, procede il restauro del monumento: ecco cosa prevede e quando sarà concluso

La statua e il basamento sono state coperte da un telone che le raffigura a grandezza naturale, una scelta estetica ed emozionale

Da qualche giorno la statua di Giuseppe De Nava nell’omonima piazza è scomparsa alla vista dei reggini, celata dal telone protettivo all’interno del quale è in corso l’intervento conservativo sul monumento che raffigura lo statista reggino.

Il lavoro eseguito dalla restauratrice Marianna Saporito è già in fase avanzata, avendo completato la pulizia della scultura polimaterica in marmo di Carrara con struttura in travertino, opera di Francesco Jerace. Eliminate le tracce di usura e inquinamento, le successive operazioni saranno di riqualificazione e anche ricostruzione di elementi danneggiati, come un dito mancante nella mano del personaggio.

L’architetto Michelangela Vescio della Soprindentenza, che la scorsa settimana ha effettuato una visita nel cantiere, riferisce positivamente sul cronoprogramma. La piazza riqualificata dovrebbe essere consegnata a novembre, ma il restauro della statua e il basamento istoriato avrà tempi più rapidi. Il monumento rimarrà ugualmente coperto fino al completamento dell’intera opera. “E’ opportuno – spiega Vescio – per evitare che si depositi polvere durante il prosieguo dei lavori di cantiere, inoltre abbiamo pensato anche all’aspetto emozionale e avrà certamente un impatto diverso vedere la statua rimessa a nuovo nel contesto della piazza inaugurata”. Per questo il telo che copre il monumento raffigura la statua a grandezza naturale, una scelta estetica e in un certo senso affettiva, che ha l’obiettivo di mantenere quest’immagine identitaria nel campo visivo dei reggini per tutta la durata dell’intervento.

Il monumento coperto

Interessata da restauro è anche il vicino monumento a Corrado Alvaro, che tornerà a svelarsi insieme a quello dedicato a De Nava. Nulla sarà cancellato o spostato nella lavorazione interamente in situ. In particolare si sgombra il campo da ogni dubbio sulle conchiglie con figura femminile poste ai due lati del basamento nella scultura della piazza. L’allarme circolato su un’eliminazione di questi gruppi decorativi è sempre stato fake non trovando riscontri nell’attuale progetto di rifacimento di piazza De Nava (una simile ipotesi risale però al precedente progetto mai approvato).

I dettagli del restauro della statua e la vicina riapertura di via Vollaro

Lo conferma la restauratrice Saporito: "Tutti gli interventi saranno conservativi e anche la ricostruzione delle parti mancanti sarà effettuata in modo riconoscibile e reversibile". Il lavoro sin qui svolto ha previsto soprattutto la rimozione delle vecchie stuccature, e l'esperta spiega che l'aspetto più impegnativo riguarda proprio i segni delle manutenzioni passate: "Non si è mai fatto un vero e proprio restauro ma si sono susseguiti molti rimaneggiamenti empirici e ripuliture aggressive sul monumento. L'intervento non dovrebbe richiedere più di due mesi, speriamo di concluderlo entro l'estate per non incorrere nel grande caldo, in quanto si tratta di trattamenti che richiedono determinate temperature climatiche e da questo dipenderanno i tempi del restauro". 

Anche dopo il restyling la statua del politico e nobile reggino per mostrarsi si sincronizzerà alla chiusura del cantiere, quando vedremo il risultato di un intervento al centro di scontri e dibattiti, e per questo molto atteso. 

Intanto, tra pochi giorni, la zona vedrà una novità importante per decongestionare la circolazione resa più caotica dalle chiusure del cantiere. La cruciale via Vollaro che collega al lungomare e piazza Indipendenza, attualmente interdetta e non agibile, sarà ripristinata alla viabilità il 30 aprile. Da progetto dovrebbe diventare parte della nuova isola pedonale, ma sembra che sia stata stabilita una variazione proprio per non creare futuri problemi di traffico in questo nodo nevralgico. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Piazza De Nava, procede il restauro del monumento: ecco cosa prevede e quando sarà concluso

ReggioToday è in caricamento