Protesta in piazza Italia, Usb: "Riconoscere diritti e dignità agli invisibili delle nostre città"

Ieri è stato realizzato un sit-in di fronte alla Prefettura. Per il sindacato "gli esseri umani non sono braccia, e la regolarizzazione non è né un premio né un regalo ma un riconoscimento al lavoro svolto"

Uno dei migranti in protesta

Anche sul territorio reggino lo sciopero nazionale dgli invisibli promosso dall’Usb per il 21 maggio ha visto la partecipazione di braccianti e cittadini stranieri che, insieme ad attivisti, consumatori solidali e rappresentanti di
esperienze di Gruppi di Acquisto del territorio, hanno manifestato contro la regolarizzazione annunciata dal Governo e contenuta nel Decreto Rilancio Italia.

Questa misura, infatti, prevede la possibilità di regolarizzare la propria posizione giuridico-legale solo a quei soggetti in possesso di regolare contratto di lavoro nel 2019 nei settori dell’agricoltura, della pesca e dell’assistenza alla persona, nonché di un permesso di soggiorno non scaduto prima del 31 ottobre 2019.

"È evidente - afferma l'Usb - che ben pochi potranno accedere a questo provvedimento, dato che chi ha lavorato in nero (perché irregolare o perché il datore di lavoro non ha voluto formalizzare il rapporto lavorativo) o chi non ha visto corrisposto in busta paga l’effettivo ammontare delle giornate di lavoro non potrà esibire la documentazione necessaria a essere regolarizzato. 

Allo stesso modo, tante persone che hanno subìto i decreti Salvini (pensiamo anzitutto a coloro che erano titolari di protezione umanitaria, abolita da quei decreti) e hanno perso il permesso di soggiorno nella prima parte del 2019 ne restano incredibilmente esclusi. In base alle attività che Usb, insieme al CSC Nuvola Rossa di Villa San Giovanni, porta avanti nell’ambito dello sportello dei diritti ‘Soumaila Sacko’ ci è possibile affermare senza timore di
smentita che la stragrande maggioranza dei migranti residenti sulla Piana non beneficerà del provvedimento,
perché priva di quei requisiti".

E ancora per il sindacato "centinaia di migliaia di migranti che da anni vivono e lavorano in Italia ma non in uno dei settori economici previsti dal decreto (pensiamo alla ristorazione o all’edilizia, in cui la manodopera impiegata è ormai prevalentemente straniera): queste persone erano e continueranno a restare invisibili".

Nella giornata di ieri è stato realizzato un sit-in di fronte alla prefettura di Reggio Calabria. Migranti, lavoratori, italiani e stranieri, hanno depositato a terra cassette di frutta, a simboleggiare come il governo abbia voluto tutelare
frutta e verdura che rischiavano di marcire incolte sui campi, su pressione della grande distribuzione
organizzata, e non le persone.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Ma gli esseri umani -conclude l'Usb - non sono braccia, e la regolarizzazione non è né un premio né un regalo: è il riconoscimento al lavoro che in questi anni centinaia di migliaia di migranti hanno compiuto a beneficio dell’economia italiana. La pandemia ha riportato l’attenzione sulle tremende condizioni in cui si vive nei ghetti e negli insediamenti della Piana. E’ arrivato il momento di riconoscere diritti e dignità agli invisibili delle nostre città. Non arretreremo di un millimetro e lotteremo affinché questo decreto truffa cambi radicalmente".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fiamme gialle rompono una "Catena di Sant'Antonio" truffaldina: scatta sequestro

  • Movida, assembramenti e rischio Covid: il questore chiude un bar del centro per 5 giorni

  • La "scuola mafiosa" di Peppe Crisalli al figlio: "Quando si picchia, si picchia subito"

  • Sigilli della Squadra mobile a bar e aziende riconducibili alle cosche Rosmini e Zindato

  • "Cemetery boss", i nomi degli arrestati: c'è anche il dirigente dei servizi cimiteriali

  • Le mani della 'ndrangheta sul cimitero di Modena e sugli appalti edili in città

Torna su
ReggioToday è in caricamento