rotate-mobile
Sabato, 25 Giugno 2022
La protesta

Polisportiva Sozzi: "Garantire l’accoglienza senza dovere ledere il diritto allo sport"

E' quanto chiede l'Asd al Comune nella Giornata nazionale

Dura presa di posizione della Polisportiva Elio Sozzi nella Giornata nazionale dello sport che scende in campo solo per esprimere  “sdegno e amarezza” .

"Celebrare la Giornata dello sport,  in una città che non garantisce il diritto allo sport - afferma la polisportiva in una nnota - ci sembra ipocrita. La  storicizzata mancanza di luoghi dove praticare attività  sportiva, aggravata nell’ultimo anno dal continuo sequestro dell’unico impianto sportivo comunale adibito alla pallavolo e in emergenza assegnato all’accoglienza migranti, non è più tollerabile. La nostra assenza ha il valore della  denuncia, affinché si possa fare sport ,senza dovere elemosinare quello che ci spetta".

"Siamo stanchi di operare in regime di continua precarietà a causa di un’impiantistica sportiva inesistente, - prosegue - incompleta  o fatiscente, di palestre scolastiche chiuse o assegnate con bandi tardivi. In questi anni siamo stati costretti ad inventarci luoghi per svolgere l’attività istituzionale  facendo salti mortali per portare avanti gli obiettivi prefissati. Purtroppo il trend della stagione 21/22 ha visto un ripetersi di   sbarchi ed il conseguente sgombero per la pallavolo: a pagare sono quelle ragazze e quei ragazzi a cui raccontate favole da anni e a cui rinnovate le solite promesse per il futuro. Non abbiamo strumenti per fronteggiare questa situazione di assoluta precarietà: le comunicazioni, in base alle quali ci viene intimato di liberare il palloncino per lasciare  lo spazio ai migranti, possono  arrivare in qualsiasi momento e senza alcun preavviso, cosa che peraltro ci impedisce  di  recuperare materiali e attrezzature".

"Sentiamo ripetere - evidenzia - << lo sport ha una funzione sociale ed educativa>>, ad ogni convegno o manifestazione e noi lo sappiamo bene perché questi sono i valori che ci spingono a continuare, ma se chi ha responsabilità politico-amministrativo non riesce a organizzare un’ accoglienza dei migranti  degna e rispettosa della dignità umana, la soluzione non può essere che si calpesti  il diritto alla pratica sportiva, anche perché questo alimenta un sentimento di divisione sociale ed intolleranza.  Chiediamo pertanto al comune di Reggio Calabria di trovare una soluzione per garantire il diritto all’accoglienza senza dovere ledere il diritto allo sport".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Polisportiva Sozzi: "Garantire l’accoglienza senza dovere ledere il diritto allo sport"

ReggioToday è in caricamento