rotate-mobile
Giovedì, 27 Gennaio 2022
Cronaca

Polizia carenza di personale, Musacchio: "Prioritaria è la sicurezza dei cittadini e delle forze dell’ordine"

La segreteria del Coisp: "Nonostante la mancanza di organico gli uomini e le donne della Questura, non smettono mai di dare il loro instancabile contributo sul territorio Reggino"

La segreteria provinciale del Coordinamento per l'indipendenza sindacale delle forze di polizia di Reggio Calabria richiama l’attenzione sulle dichiarazioni rilasciate dal capo della Polizia, prefetto Franco Gabrielli sulla carenza di organico all'interno della polizia: "Abbiamo un buco che non è stato colmato in questi anni, l’Amministrazione in questo momento ha poco meno di 99 mila uomini rispetto ai 117 mila che avrebbe dovuto avere ed ai 106 mila che poi la Legge Madia ha ripristinato" e anccora: "siamo nel corso di una tempesta perfetta perché oggi noi siamo i gestori di quella che è stata la stagione del blocco del turn-over". E poi un altro focus: "Essendo stati gli arruolamenti fatti massivamente negli anni Ottanta, la gente ora sta andando in pensione. Arriverà personale, ma nel frattempo altri se ne andranno e quindi il saldo nei prossimi anni lungi dall'aumentare, diminuirà. Si abbasserà l'età media. Avremo una significativa presenza sul territorio - ha concluso - di ragazzi e ragazze più giovani, ma avremo un deficit di professionalità perché le persone anziane che vanno via – andranno in pensione - si portano dietro l'esperienza".

"Non possiamo non essere d’accordo, anche la provincia di Reggio Calabria - afferma Emilio Musacchio, segretario generale provinciale del Coisp  - si trova sotto organico, in meno di un ventennio si è perso anche qui il 15 % delle risorse e nel corso degli anni futuri il trend è destinato ad aumentare proprio come ha bene evidenziato e descritto il capo della Polizia. Il piano di “potenziamento” del personale sulla mobilità 2019/2020, evidenzia come sono previsti arrivi per 35 unità da dislocare in tutta la provincia. Nel contesto appena descritto, avviene che per garantire la sicurezza dei cittadini gli operatori di polizia sono sempre più soggetti a turni doppi per coprire i vari servizi istituzionali ed a volte non si riesce a rispettare neanche il minimo di ore per il recupero psicofisico".

"La parola mancanza di personale, la coperta è corta - continua Musacchio - le sentiamo da anni ora mai, non è soluzione risolutiva ma è sempre un punto di inizio quando si avviano i corsi per i nuovi poliziotti, ci sono aliquote di uomini e donne prontamente disponibile in attesa di frequenza dei corsi ed altri rispettivamente 61 e 161 militari già risultati idonei alla selezione per rivestire la qualifica di agente della polizia di Stato, in attesa di essere assunti quindi, non assorbiti dalle graduatorie a scorrimento per un vizio di natura legislativa che ci auguriamo possa essere superato al più presto, ciò per non disperdere ulteriori risorse umane ed economiche già investite".

"Nonostante la carenza di personale, - incalza il seretario del Coisp - gli uomini e le donne della polizia di Stato reggina non smettono mai di dare il loro contributo instancabile, facciamo i nostri complimenti ai colleghi, tutti nessuno escluso, che con poche risorse, con tantissimi sacrifici, attraverso il loro operato silente, hanno permesso di assicurare alla giustizia il latitante Domenico Crea, ancora altri colleghi in meno di 24 ore catturavano un pericoloso omicida, mentre contemporaneamente altro personale eseguiva 17 ordinanze di custodia cautelare. Senza dimenticare l’instancabile lavoro dei ragazzi delle “volanti” e “Nue” in prima fila 24 ore su 24! Un vero tour de force".

"Questo significa– afferma Emilio MUusacchio – che i poliziotti della provincia di Reggio Calabria, come tutti i poliziotti d’Italia, oltre ad essere altamente professionali, sono persone dedite al loro lavoro, pronte a sacrificarsi per il bene comune e la sicurezza dei cittadini. Solo gli addetti ai lavori possono comprendere quando sia difficile fare il nostro mestiere “anche i poliziotti hanno famiglie, mogli, mariti e figli che li aspettano e che vorrebbero passare del tempo con loro e sono tante quelle volte che li lasciamo a casa ad attenderci invano".

Ci auspichiamo che presto possano avvenire nuove assunzioni comprese anche quelle di quei giovani militari già idonei alcuni dei quali servono già la nostra amata Patria, sperando che presto possa iniziare quell’inversione di marcia e tornare nuovamente ad avere una polizia giovane che ora mai da tempo è oltre la soglia dei 50 anni".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Polizia carenza di personale, Musacchio: "Prioritaria è la sicurezza dei cittadini e delle forze dell’ordine"

ReggioToday è in caricamento