rotate-mobile
Venerdì, 24 Maggio 2024
La resistenza contro gli espropri / Villa San Giovanni

Ponte sullo Stretto, le case da espropriare nella roulette del mercato: ecco cosa offre la società

La stima al metro quadro degli immobili e un bonus costituiscono l'indennizzo che per la maggior parte dei proprietari non vale la perdita delle abitazioni

La società Stretto di Messina ha 30 giorni di tempo per ottemperare alle integrazioni richieste dal Mase e va avanti sulla strada dell’apertura dei cantieri programmate per settembre. Dopo l’estate partirà anche la fase operativa dell’iter espropriativo, che nonostante critiche procedurali ed esposti, è stata già avviata con la pubblicazione dell’avviso e l’apertura di sportelli informativi. Dagli operatori di Messina e Villa sono state diffuse (rigorosamente solo ai soggetti espropriandi) le prime informazioni anche sugli indennizzi.

Oltre il valore di mercato del bene un bonus da 5000 a 20.000 euro per risarcire il disagio 

Da quanto si è appreso si tratterà di cifre tutt’altro che favolose, pari al valore di mercato del bene più un bonus che può ammontare fino a 20.000 euro. Una carezza, un modo pratico per dire con costernazione 'scusateci per il disturbo'. E' facile immaginare cosa pensino di quest'offerta le persone che dovrebbero rinunciare a case che hanno costruito a costo di sacrifici facendone la sede di famiglie, affetti, affari e per qualcuno la residenza di un'intera vita. Questa cifra è inoltre subordinata a un requisito da dimostrare a onere dell’interessato: bisogna essere residenti nell’immobile da almeno un anno dalla data di pubblicazione della dichiarazione di pubblica utilità in gazzetta ufficiale (per gli affittuari farà fede il contratto di locazione regolarmente registrato). In mancanza di questo requisito l’incentivo attribuito scende a 5000 euro. 

Diversa (e più farraginosa) è la valutazione per terreni e aree edificabili: in questo caso l’indennizzo di esproprio è calcolato non solo su basi di mercato ma anche stimando la collocazione e funzione del bene all’interno del piano regolatore di competenza.

La premessa è che a Villa San Giovanni i proprietari di abitazioni e attività commerciali minacciate dalle ruspe hanno già espresso una netta posizione di resistenza: in gran parte non sono allettati dal risarcimento e nessuno lo considera vantaggioso a fronte della perdita delle proprie case. Ma anche tra chi sta pensando di adeguarsi alla situazione c’è la convinzione di cedere un valore maggiore di quanto sarà pagato. E c'è il fondato timore di speculazioni di mercato favorite anche da uno scenario di interruzione dei lavori con la possibilità, in quel caso, di riacquistare la prioprietà perduta pagandola con salati interessi o al contrario perdendola per sempre a vantaggio di un concorrente più veloce.   

I possibili valori al metro quadro a Cannitello e Piale nella banca dati dell'agenzia delle entrate

Le continue oscillazioni del mercato impediscono a oggi di conoscere in anticipo l’importo degli indennizzi, ma ci si può fare un’idea consultando la banca dati dell’agenzia delle entrate. Il sistema offre informazioni sul valore di mercato nelle diverse province e zone del paese e abbiamo provato a vedere quali potrebbero essere le stime a Villa San Giovanni, il comune che sulla sponda reggina dello Stretto è quello più colpito dagli espropri.

Abbiamo preso in considerazione, nel secondo semestre del 2023, alcune aree sensibili del progetto ponte: Cannitello, Porticello/Santa Trada e Piale. A Cannitello per le abitazioni civili il valore stimato va dal un minimo di 770 euro a metro quadrato a un massimo di 1100; per le abitazioni economiche la forbice è compresa tra 670 e940; per i box 430-570; infine la stima per ville e villini va da 900 a 1250 euro.

Spostandoci nella zona D4 che arriva a Porticello e Santa Trada i valori sono i seguenti: abitazioni civili da un minimo di 480 euro a un massimo di 700; abitazioni economiche 450-650; box 365-500; ville e villini 610- 840.

Nella frazione di Piale e periferia est invece: le abitazioni civili hanno un valore di mercato al mq da un minimo di 485 euro a un massimo di 680; le abitazioni economiche da 430 a 640 euro; i box un valore compreso da 345 e 480 euro; le ville da 590 a 810.

Il calcolo è relativo a immobili in stato normale e proprio le condizioni del bene determinano l’attribuzione dei valori minimi o massimi. Come avviene nel mercato immobiliare, hanno peso diverso la localizzazione, la classe energetica, l’anno di costruzione, i materiali e le finiture. Per ottenere una valutazione base alta la casa deve ovviamente essere a norma di legge e priva di abusi edilizi, che per ottenere l’indennizzo devono essere sanate a carico del proprietario ed entro i tempi previsti dalla dichiarazione di pubblico interesse.

La situazione degli immobili asserviti, che subiranno danni difficili da dimostrare 

Tutti aspetti che – come hanno riscontrato gli operatori dell’infopoint – stanno già generando dissenso, e da parte di molti è stato chiaramente annunciata l’intenzione di farsi tutelare da legali per ricevere quanto dovuto.

A stare peggio degli altri sarebbero i proprietari degli immobili asserviti, cioè non espropriati perché non si trovano nel tracciato delle opere ma ugualmente molto vicini ai cantieri e che per questo subiranno vari disagi. Il loro danno non è in rubrica anche se la società ammette che potrebbero avere diritto a un ristoro. Impresa non facile perché quei danni devono essere “oggettivi” e bisogna dimostrare che l’immobile ha subito un deprezzamento di valore a causa dell’influenza dei cantieri. Ad esempio riduzione della luminosità, inquinamento acustico, vibrazioni, ostacoli alla fruizione del panorama e l’ambiente, disservizi nella viabilità di accesso. Tutti elementi di complessa monetizzazione ma inestimabile valore nella qualità del vivere che a Villa San Giovanni è considerato il pericolo principale, persino più del ponte in sé con le sue numerose falle progettuali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ponte sullo Stretto, le case da espropriare nella roulette del mercato: ecco cosa offre la società

ReggioToday è in caricamento